“Il poeta Lucio Piccolo. L’ultimo Gattopardo” al Caffè Letterario

Giovedì 24 marzo alle ore 18, presso il Caffè Letterario di Viterbo, conferenza “Il poeta Lucio Piccolo. L’ultimo Gattopardo” a cura dell’associazione” culturale “La Ginestra”.
Per la prima volta, a Viterbo, si parla di Lucio Piccolo, uno dei più importanti poeti del XX secolo, “scoperto” e apprezzato da Eugenio Montale, autore di importanti raccolte (Canti barocchi e altre liriche, Gioco a nascondere, Plumelia).
Giuseppe Rescifina, giornalista e saggista, rievocherà il mondo esoterico di villa Piccolo, nei pressi di Capo d’Orlando (provincia di Messina), dove Lucio e il cugino Tomasi di Lampedusa, autore del famoso romanzo “Il Gattopardo”, hanno scritto buona parte delle loro creazioni letterarie.
Rampollo di una delle più antiche aristocrazie siciliane (la madre era una delle sorelle Tasca Filangeri di Cutò), Lucio Piccolo, barone di Calanovella, visse a lungo insieme al fratello maggiore Casimiro e alla sorella Agata Giovanna nella villa di famiglia situata su un poggio dal quale si ammirano, all’orizzonte, le isole Eolie.
Verranno riproposte le tappe della creatività e della vita quotidiana di Lucio Piccolo intrisa di aneddoti e curiosità. Marco Papacchini, presidente della storica associazione culturale “La Ginestra”, interverrà con letture di alcune poesie, mettendo a confronto lo “storytelling” poetico di Lucio Piccolo con quello di altri autori del ‘900. Ingresso libero.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI