Piramide etrusca di Bomarzo: visita guidata

Dopo l’estate una nuova escursione alla Piramide etrusca di Bomarzo.

DOMENICA 9 OTTOBRE 2016 L’associazione Thesan di Viterbo organizza un’ escursione alla Piramide etrusca di Bomarzo.

Incontro ore 10:00 Bar Il Borgo Bagnaia Piazza XX Settembre.

Fine ore 13:00 circa

Costo 10 euro a persona. Ridotto ragazzi 5 euro.

Si consigliano scarpe da trekking almeno un litro d’ acqua e giacca a vento.

Per informazioni e prenotazioni chiamare Elisa 3280166513.

Riscoperta nel 2002, sue notizie si hanno dal 1991, dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento, è stata da poco resa fruibile grazie ai lavori di ripulitura del Manufatto curati da Salvatore Fosci. Si tratta di un enorme (8×16 metri circa) masso tufaceo che in origine doveva essere usato dagli etruschi come luogo di culto o come osservatorio astronomico. Chiamato dai pochi che lo conoscono “Piramide di Bomarzo” è in realtà una piramide tronca, che non sfigurerebbe nell’afosa giungla del Messico. Questo enorme masso, sapientemente lavorato millenni orsono, è solcato da una scalinata di 26 gradini, alcuni larghi 1 metro, mentre altri, che mostrano successivi ampliamenti verso destra, raggiungono una larghezza complessiva di oltre 4 m. Questi gradini conducono prima a due spazi intermedi affiancati e poi ad una sorta di altare – osservatorio principale posto proprio in cima alla piramide. L’enigmatica struttura è completata da altre scalinate minori e da una serie di canali di scolo per la raccolta dei liquidi sacrificali.

DOMENICA 16 Ottobre 2016 escursione all’eremo di Chiusa del Vescovo (ripatonna cicognina) e all’eremo di Poggio conte e la bellissima cascata.

L’ eremo di Poggio conte è una piccola chiesetta rupestre risalente al XIII secolo, che fu abitata da monaci cistercensi o forse da cavalieri templari.

All’interno, strutturato come una vera chiesa, vi erano dipinte le figure dei 12 apostoli e nel centro quella di Cristo. Rubati nel 1964 e fortunatamente alcuni, recuperati nel 1965. Sono oggi conservati al Museo di Ischia di Castro.

All’ esterno, una larga nicchia semisferica, sopra la grotta, era forse orientata verso il tramonto equinoziale, come ugualmente l’ oculus circolare ( il rosone) dove il raggio di sole penetra e illumina l’ interno della chiesa.

Si consigliano scarpe da trekking, giacca a vento,almeno un litro d’ acqua, pranzo al sacco.

Incontro ore 10 Piazza Umberto 1° Fanese (VT)

Fine ore 15:00 Costo 12 euro a persona

Per informazioni e prenotazioni Chiamare Elisa 3280166513. E- Mail: marsgaeden@libero.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI