Patto d’Amore tra Viterbo e la Madonna della Quercia

Una lunga processione che si compone alle ore 14.30 della seconda domenica di settembre dalla Chiesa di Santa Maria del Paradiso a Viterbo.
Nell’ordine disposto si forma il corteo con schierate tutte le Confraternite e le autorità cittadine che a piedi percorrono gli oltre due km sino a raggiungere il sagrato della Basilica di Santa Maria della Quercia .
Dal 1981, si ripete il Patto d’Amore con la PROCESSIONE DELLE CONFRATERNITE, gesto di ringraziamento in ricordo delle tante processioni che si sono susseguite nei secoli, in particolare di quella che veniva fatta per la proclamazione del perdono concesso da Sisto IV nella domenica successiva alla festa della natività della Madonna.
Fu per cercare di rivitalizzare la processione del PATTO d’AMORE che nel 1981 si è pensato di invitare tutte le confraternite dei paesi che hanno avuto un legame con la Madonna della Quercia.
Da quell’anno la processione ha ripreso forza e oggi le confraternite partecipanti sono circa una cinquantina, provenienti dai molti paesi della provincia di Viterbo e dal Centro Italia.
Da tanti anni è sempre presente la “Confraternita di S. Maria della Quercia” dei Macellai di Roma, che accanto a piazza Farnese, in Roma, possiede una chiesa dedicata alla Madonna della Quercia di Viterbo.
Oltre alla processione del Patto d’Amore altre due manifestazioni sono al centro dell’attenzione di tutto il paese:
La giornata della riconoscenza, dove La Quercia ricorda i Benefici che i suoi abitanti hanno ottenuto dalla Madonna, in particolare il ritorno dalla II guerra mondiale dei 192 soldati partiti e la salvezza del paese nel bombardamento del 20 gennaio 1944.
Così narra la storia: nel 1467 durante i mesi di Luglio e di Agosto un terribile flagello si abbatté su tutto l’Alto Lazio: la peste. Migliaia di persone furono colpite dalla tremenda epidemia. Durante il mese di Agosto dell’anno 1467, come chiamati da una voce misteriosa, una miriade di persone affluì intorno ad un albero di quercia sopra il quale era stata posta nel lontano 1417 da un fabbro ferraio, Maestro Battista Iuzzante, una immagine della Madonna, dipinta sopra una tegola da Maestro Martello Monetto.
“Il 25 Agosto”, racconta Niccolò della Tuccia, uno dei priori viterbesi presente al fatto, “incontrammo tutto il popolo di Montefiascone, uomini, donne, fanciulli, grandi e piccoli ed i Priori fra i quali vi erano 57 disciplinati, vestiti di sacco e cittadini vecchi e fanciulli a cavallo e a piedi…
Domenica, 30 Agosto, lettori non vi meravigliate, scrive Niccolò, convennero circa 14 Paesi con tutti i loro Disciplinati (Confratemite) e fanciulli ignudi, frustatori, uomini e donne, tra i quali convenne la Comunità di Toscanella con più di 100 frustatori, e gli Anziani con tutto il popolo, uomini e donne e fanciulli e portarono un cero grande con 25 ducati e l’arte dei Mercanti di Viterbo, Caprarola, Carbognano, Bassano, Soriano, Civitella, Bagnaia, Bomarzo, Vetralla, Lugnano, Canepina, con latre Comunità che furono circa 14 con tutto il loro popolo e Preti e furono stimati in 30.000 e in più vi erano i viterbesi ed altri popoli …”.La peste cessò e sempre Niccolò scrive: “Memorabile cosa, perchè suole essere in tempo di moria Luglio e Agosto moltiplicare il morbo ed allora manco”.
Il popolo decise di fare una grandiosa processione di ringraziamento e i Priori Viterbesi ne chiesero il permesso al vescovo Pietro che autorizzò anche il culto alla Vergine ormai da tutti chiamata Madonna della Quercia.
Il 20 Settembre del 1467 fu fatta la prima processione “PATTO D’AMORE” che si ripete in questa seconda domenica di settembre il giorno 13.
Il programma:12 settembre 2015 ore 21.00
Processione con l’immagine della Madonna della Quercia per le vie del centro storico, presieduta dal Vecovo Monsignor Lino Fumagalli
13 settembre Solennità di Santa Maria della Quercia(Indulgenza plenaria “perdono di settembre)
Ore 10.30 Messa solenne presieduta da Mons.Lino Fumagalli Vescovo di Viterbo animata dalla Schola Cantorum Santa Maria della Quercia
Tradizionale offerta del Dono
Ore 16.30 Rinnovo del Patto d’amore tra la città di Viterbo e la Madonna della Quercia , partenza dalla Chiesa di Santa Maria del Pardiso sino all’arrivo in Basilica a La Quercia ove il sindaco della città Leoanrdo Michelini rinnoverà il Patto d’Amore
Domenica 20 settembre ore 16.30XIV Rassegna Polifonica organizzata dalla Schola Cantorum Santa Maria della Quercia .

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI