Patchwork: Bomarzo diventa villaggio della creatività

Da venerdì 25 a domenica 27 settembre 2015 a Bomarzo torna l’appuntamento con la creatività e la tradizione con l’evento nazionale “Patchwork Made in Lazio”, quest’anno alla terza edizione.
L’iniziativa, ad ingresso gratuito, è organizzata dalle delegate regionali Quilt Italia Lazio, Brunella Sciommari e Francesca Ciardi, in collaborazione con l’associazione “Bomarte” ed il patrocinio del comune di Bomarzo.
L’obiettivo della manifestazione, ospitata nelle prestigiose sale del Palazzo Orsini, è quello di promuovere e diffondere la passione e la conoscenza del Patchwork e del Quilting , finalità perseguita dalla Quilt Italia, anche in ambito internazionale, fin dal 1997, anno in cui diventa rappresentante ufficiale dell’Italia nell’associazione europea di quilting (Eqa).
La mostra “Patchwork made in Lazio” prevede, per tale motivo, tutta una serie di attività volte proprio alla diffusione di questa antica tecnica di cucito, nata nei secoli scorsi presso i pionieri americani che, come avevano appreso dai coloni inglesi, riciclavano le parti migliori dei capi ormai consunti per ripararne altri o realizzarne di nuovi, usando i materiali più disparati, dalle foglie di tabacco al cotone.
In Italia, l’arte di cucire insieme le pezze nasce sin dal Medioevo, anche se il patchwork, così com’è comunemente conosciuto, si diffonde a partire dalla metà degli anni Novanta e, da allora, ha conquistato un numero sempre crescente di appassionati ed estimatori.
La tre giorni di Bomarzo prevede un calendario con tantissime attività: saranno a disposizione, infatti, dieci insegnanti che terranno quattordici differenti corsi di cucito di varia difficoltà e con metodologie differenti aperti a tutti, anche ai semplici curiosi che vogliono avvicinarsi a questa creativa arte tessile.
L’associazione culturale Bomarte, allieterà le serate con spettacoli ed animazione di vario genere, anche all’interno del caratteristico borgo.
Ospiti d’onore della manifestazione saranno le socie quilt delle regioni Toscana e Campania, che esporranno le loro opere nei locali di Palazzo Orsini.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI