Panathlon Club di Viterbo, Premio Atleta dell’Anno a Maurizio Castelli di Marta

Durante la tradizionale conviviale per gli auguri del Panathlon Club di Viterbo è di prammatica onorare con speciali premi gli atleti e dirigenti della Tuscia che si sono segnalati nelle loro specialità nel corso della stagione.
Quindi, nella cornice del Ristorante “Da Nando al Pallone” venerdi 16 scorso il Club senior e Junior con la partecipazione di circa 60 intervenuti, il Presidente Domenico Palazzetti alla presenza del V. Governatore di Area Andrea Stefano Marini Balestra, del dirigente nazionale Massimo Salcini e di Eleonora Merlani presidente del Panathlon Junior e del nuovo Presidente eletto (annata 2018-19) Angelo Landi, dopo l’intervento di S.E. mons. Lino Fumagalli che ha proposto spunti di riflessione sull’etica dello sport, si è dato vita alle premiazioni di coloro che una speciale commissione di Club ha ritenuto meritevoli.
Ha ottenuto la “Menzione speciale per l’anno 2017” Luciano Tola arbitro di basket internazionale, mentre il premio “Dirigente dell’anno” è stato assegnato a Sergio Valeri per il Karate. Il premio “Atleta dell’anno 2017” del Club Junior è stato assegnato all’atleta di Muay-Thai Michele Pennacchietti con il quale il Vescovo Fumagalli ha intrattenuto una lunga conversazione perché personalmente interessato a questa particolare disciplina di pugilato tailandese di cui ha confessato esserne seguace in televisione.
Il premio maggiore: “Atleta dell’anno 2017”, è stato conferito a Maurizio Castelli di Marta, che ad onta di una disabilità, è campione di motociclismo in sella ad una Yamaha R6 con la quale gareggia non solo nelle particolari gare per disabili, ma anche in quelle per piloti normodotati con lusinghieri successi nei tempi e nelle classifiche.
Prima di dare la parola al Vice Governatore Marini Balestra per le conclusioni, il Presidente Palazzetti ha dato notizia degli auguri pervenuti per telefono del Sindaco Michelini impossibilito intervenire. Nel corso della serata è stato presentato come nuovo socio nel Club Junior Lorenzo Della Porta per la specialità Pallamano
Nel suo discorso, il Vice governatore, ha ricordato che il compito del Panathlon Club è quello di fare lobbing ad ogni livello perché i valori dello sport, cioè del puro dilettantismo, siano affermati in particolare presso i giovani che, spesso insensibili al rispetto delle regole sociali e civili, sono però osservanti delle regole dello sport e tale atteggiamento può divenire un abitus mentale che poi si trasmette nella vita sociale.

Marini Balestra ha altresi precisato che la pratica dello sport, a tutte le età, è un passaporto per il benessere fisico e morale, perché lo spirito competitivo inserito nelle regole sportive rappresenta un antidoto alle angosce e depressioni della vita donando vitalità in particolare agli anziani.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI