OrientaMenti al lavoro: percorsi formativi e orientativi

Riguarderà l’anno scolastico 2015-2016, ma a breve inizieranno gli incontri con gli Istituti Superiori che sono interessati per programmare e organizzare all’interno dell’attività didattica lo svolgimento di OrientaMenti, progetto di orientamento e formazione rivolto ai giovani studenti delle scuole superiori della Tuscia.

OrientaMenti al lavoro”, realizzato da CeFas, Azienda speciale della Camera di Commercio di Viterbo, con il contributo della Fondazione Carivit, ha come obiettivo quello di favorire l’incontro tra mondo della scuola e quello del lavoro attraverso percorsi formativi e orientativi; l’iniziativa fa parte dei progetti di “alternanza scuola-lavoro” che favoriscono il percorso di crescita e di scelta, permettendo lo sviluppo di dimensioni critiche personali sia la conoscenza del mondo del lavoro, dove i giovani andranno ad inserirsi come lavoratori o attraverso forme di auto imprenditorialità.

“Il nostro supporto al progetto OrientaMenti al lavoro –  spiega Mario Brutti, presidente della Fondazione Carivit – è frutto della convinzione che i soggetti del territorio debbano collaborare e superare gli individualismi. Il rapporto formazione-lavoro è un rapporto fondamentale per la crescita dell’occupazione e la crescita delle imprese in un momento di arretratezza per l’Italia; è necessario però confrontarsi con la realtà che ci circonda, non ricca dal punto di vista imprenditoriale, dove è problematico poter fare un’esperienza di lavoro e ottenere stage che poi vengano anche qualificati al meglio.”

“ E’ un percorso molto importante per Camera di Commercio, che per la prima volta collabora direttamente con la fondazione Carivit. In questo momento critico abbiamo il dovere morale di sostenere e aiutare i giovani- aggiunge il presidente della Camera di Commercio Domenico Merlani– cercando di sviluppare la loro autostima e lo stimolo all’autoimprenditorialità. Il futuro del nostro territorio è il futuro stesso dei giovani”.

“Il progetto è portato avanti da Cefas da circa 5 anni. Rientra nel dna del sistema camerale la volontà di trovare momenti di crescita e formazione facendo dialogare manager e ragazzi, attraverso attività frontali in cui giovani imprenditori facessero comprendere i punti di forza e debolezza del mondo del lavoro. Basti pensare che solo nel 2014 abbiamo coinvolto 1.900 studenti e 66 imprese. Con OrientaMenti al Lavoro diamo continuità a questa attività, con la possibilità di estenderla anche ad altri istituti della Tuscia che ne faranno richiesta” ha spiegato Stefano Gasbarra, vicedirettore del Cefas.

Nel dettaglio il progetto prevede una prima formazione per favorire lo sviluppo delle competenze relazionali e trasversali, per far comprendere ai giovani studenti la loro strada migliore per entrare nel mondo del lavoro; successivamente saranno organizzati incontri seminariali con la presenza di esponenti di realtà economiche locali, giovani imprenditori e manager e testimonianze provenienti dal mondo della ricerca per approfondire alcuni temi, tra cui: marketing e vendite, come affrontare un colloquio di selezione, tecniche di comunicazione personale e public speaking, Green Economy e Responsabilità Sociale d’Impresa, Economia del territorio.

 Il programma si completa con il Job Day, l’esperienza sul campo, che offre allo studente l’opportunità di trascorrere una giornata a fianco di un tutor aziendale (imprenditore, libero professionista, manager o impiegato), il quale condividerà i diversi aspetti della sua professione.

 Gli istituti superiori della provincia di Viterbo di cui si prevede il coinvolgimento nel progetto sono 8 e gli studenti partecipanti circa 2mila delle classi terza, quarta e quinta. Alle scuole che avevano già partecipato negli scorsi anni si affiancherà probabilmente anche l’Istituto Ragioneria, ma la partecipazione resta ancora aperta a tutti gli altri istituti.

 

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI