“Ori del Lazio-Capolavori del Gusto” premiata la Tuscia

Si è svolta il 12 marzo a Roma, presso il Tempio di Adriano, la cerimonia ufficiale di premiazione dei vincitori di “Ori del Lazio – Capolavori del gusto”, XXIII Concorso regionale per imigliori oli extravergine di oliva.
La ventitreesima esima edizione del concorso regionale “Ori del Lazio-Capolavori del Gusto”, promosso da Unioncamere del Lazio, ha visto la partecipazione di 75 aziende per un totale di 88 etichette con la TUuscia presente con 22 prodotti. Tra le Aziende premiate ricorrono nomi blasonati dell’eccellenza viterbese a dimostrazione di un processo che persegue la qualità e l’eccellenza, e avvalora la tipicità enogastronomica della Tuscia.I premiati: Laura De Parri Cerrosughero di Canino. Frantoio Archibusacci F.& C. DI Canino, Frantoio Gentili di Canino, Società Cooperativa Olivicola di Canino, Frantoio Archibusacci dal 1988 di Canino (leggero ).
Nella categoria Tuscia Dop premiati: Colli Etruschi –Evo Blera- Sciuga- Il Molino di Montefiascone, L’Olivaia- Olio Felice di Nepi, Villa Caviciana di Grotte di Castro, Sergio Delle Monache- Tamia di Vetralla, Frantoio Tuscus Vetralla
.
Il Frantoio Archibusacci con l’Olio Canino Dop è stato ammesso al concorso nazionale Ercole Olivario nella categoria riservata alle Dop.
I vincitori sono stai selezionati attraverso specifiche sessioni di assaggio da una Commissione esaminatrice composta da degustatori professionisti individuati tra l’altro, in base all’anzianità di iscrizione nell’Albo ufficiale degli assaggiatori ed all’esperienza specifica di sedute di assaggio degli oli regionali.

I lavori del panel si sono svolti nel Laboratorio Chimico Merceologico della Camera di Commercio di Roma organismo autorizzato su base regionale, a effettuare analisi chimico–fisiche ufficiali sui prodotti che rivendicano una denominazione di origine controllata o protetta, registrata in ambito comunitario (come gli oli DOP).

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI