Ombre Festival: debutto con Arena Borges al completo

Una piazza del Plebiscito divenuta Arena Borges super gremita ha dato il proprio placet ad un Festival al suo esordio in cui hanno dominato gli echi di una musica latino americana e tango in onore a George Luis Borges Ombra del Festival.
L’apertura dell’edizione numero uno, parte con l’inaugurazione da parte del prefetto Rita Piematti a cui seguiranno i saluti del Questore Lorenzo Surace, del Sindaco Leonardo Michelini.
Agli spettatori un bouquet di musica sulle note della colonna di “Un americano a Parigi”, mentre la voce possente del soprano Federica Balucani con un repertorio concertistico molto variegato ha reso la serata unica.
La chiusura è stata con l’Aida, un momento da brivido anche per chi scrive.
Bravi i padroni di casa Alessandro Maurizi e C., proprio Maurizi ha ribadito con voce ferma come le associazioni culturali siano l’anello di congiunzione tra la società civile e le istituzioni, Viterbo è l’incubatore di queste realtà in cui l’una non esclude l’altra. L’associazione Mariano Romiti ricordiamo è partita cinque anni e questo festival ne è la naturale evoluzione.
Dopo l’ebrezza della prima sera il viaggio continua all’interno delle ombre umane e ci accompagnerà in un calendario ricco di eventi sino a domenica 24 luglio.
Oltre cinquanta ospiti tra giallisti e scrittori incontreranno il pubblico nelle sei arene, tante le iniziative ancora da scoprire tra cui in esordio ricordiamo il Romiti junior ,concorso letterario riservato alle scuole superiori, sulla legalità.
Tutto prosegue nei restanti quattro giorni perché “Questa penombra è lenta e non fa male;scorre per un mite pendio e assomiglia all’eternità”.Sempre citando Borges.

[pp_gallery gallery_id=”54829″ width=”300″ height=”200″]

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI