Olio tunisino senza dazi. A che gioco giochiamo?

La notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno, la Tunisia potrà esportare altri 35.000 Tonnellate di olio che vanno sommate alle 56.700 già accordate per un totale di 91.700 Tonnellate in esenzione di dazio. Tutto ciò và a destabilizzare il mercato Italiano con gravi ripercussioni sui nostri produttori che si troveranno sotto una valanga di olio che in poco tempo si trasformerà in extravergine, venduto a prezzo di massimo ribasso. La moneta cattiva ha sempre scacciato quella buona, così la nostra olivicotura è destina allo sfascio. E’ ora di fare chiarezza. A chi serve questa valanga di olio, non certo ai produttori, forse agli accordi Europei di libero scambio? in cambio di che cosa? stop di migranti? petrolio? o più semplicemente alle industrie di imbottigliamento?. E ora di dire basta alla vendita della pelle dei nostri produttori, si devono rimuovere le cause, altrimenti gli effetti non tarderanno a ripresentarsi con nuove deroghe – in esenzione di dazio. Contro il provvedimento si è mobilitato l’intero settore agricolo.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI