O Thiasos in Miti d’Acqua a Museion

Ciò che scorre dentro di noi e ciò che scorre fuori, nella natura circostante. Tratto dalle Metamorfosi di Ovidio, O Thiasos porta in scena lo spettacolo di teatro natura Miti d’Acqua a Museion, la rassegna culturale per il Sistema Museale del Lago di Bolsena giunta alla sesta edizione.

 

Lo spettacolo previsto per Venerdì 28 luglio alle 18.30 presso il Museo del Fiore di Torre Alfina ad Acquapendente, è scritto e narrato da Sista Bramini accompagnata da Camilla Dell’Agnola alla viola, mette in scena alcuni dei più celebri miti del noto poema sfruttando come spazio scenico i luoghi naturali. La voce narrante dà vita ai personaggi mitologici legati all’acqua, ai suoi luoghi e modi di essere: acque ora fresche, limpide, che giocano nella luce; acque profonde e torbide che cantano le oscurità dell’inconscio. Fonti, fiumi, laghi vivi, da cui scaturiscono storie, immagini, musiche, le quali, unite alla suggestione dell’ambientazione naturale sono in grado di evocare emozioni, risvegliare ricordi, svelare un’appartenenza reciproca e forse dimenticata: cioè quella che esiste tra ciò che scorre dentro di noi e ciò che scorre fuori, nella natura circostante.

 

O Thiasos è un progetto  tra teatro e natura nasce nel 1992 allo scopo di indagare, attraverso gli strumenti dell’arte teatrale, la relazione tra arte drammaticacoscienza ecologica e ambiente naturale.Questo incontro conduce a un ripensamento dell’arte dell’attore rispetto alla sua presenza nello spazio scenico. Analogamente, anche la concezione di drammaturgia, regia e composizione musicale vengono continuamente rimesse in causa.  Il progetto ha dato vita a numerosi progetti di ricerca, rassegne teatrali, laboratori e spettacoli, presentati in parchi, riserve naturali, festival e aree da valorizzare, su tutto il territorio nazionale. Nel 2000 O Thiasos Teatro Natura ha vinto il prestigioso Premio Europarc – Federazione internazionale Parchi d’Europa – per il miglior progetto di interpretazione ambientale del territorio.

 

 

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI