Notte delle candele: in un’App le vie illuminate

candele

“Nella notte una candela è più luminosa del Sole” canta Sting in una sua celebre canzone. E quale sarebbe lo spettacolo se ad essere accese ne fossero ben centomila? Anche quest’anno Vallerano, il borgo in provincia di Viterbo, ci attende il 29 agosto per la suggestiva Notte delle Candele.  Dal tramonto il paese spegnerà la luce elettrica e offrirà un magico spettacolo di fiammelle vive, nelle sue vie e nelle sue piazzette, cortili e chiese, dove gli stessi abitanti avranno composto magiche scenografie luminose, con piccoli ceri e candele racchiuse in barattolini di vetro. Si celebrerà una festa di luci, degustazioni enogastronomiche e si assisterà a esibizioni di musica, poesia, danza e recitazione.

A presentare l’evento nel palazzo della Provincia, sono intervenuti Mauro Mazzola, presidente della provincia di Viterbo, e il sindaco di Vallerano Maurizio Gregori.

La Notte delle Candele nasce per fare da scenografica conclusione alla rassegna musicale valleranese “Festival delle Piccole Serenate Notturne”, giunta ormai alla quindicesima edizione, durante la quale musicisti e cantanti si esibiscono nella suggestiva cornice del borgo; una rassegna che si svolgerà dal 25 al 29 agosto.  “Un esempio di come si possa creare un evento di qualità eccellente attraverso l’impegno volontario dei cittadini” ha detto Mazzola. “La notte delle Candele è un evento di una forza imponente” ha aggiunto il sindaco Gregori. “Non si potrebbe realizzare senza la volontà delle famiglie del centro storico, che collaborano tutto l’anno alla buona riuscita della manifestazione”.

Quest’anno è stato migliorato l’aspetto logistico, fornendo ai visitatori nuovi parcheggi e bus navette. Alla conferenza di presentazione è intervenuto anche Dino Rapiti, presidente dell’Associazione Culturale che organizza il Festival musicale e la Notte delle Candele. “Quest’anno abbiamo voluto privilegiare l’aspetto social così caro ai giovani” ha esordito Rapiti. “Per questo è stata realizzata un’App che permetterà di avere sul proprio smartphone la mappa delle vie del borgo con tutti gli eventi che vi si svolgeranno”.  Una manifestazione che produrrà anche del bene: i visitatori potranno a loro volta accendere una fiammella acquistando un accendino, dietro il contributo di un euro. Il ricavato andrà a finanziare i progetti di beneficenza dell’associazione “Viterbo con Amore”. Vallerano attende i numerosi visitatori e mira a superare il primato delle presenze dello scorso anno, quando a passeggiare nell’atmosfera incantata e illuminata dalle candele sono state ben ventimila persone.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI