Nessuno come noi: Luca Bianchini a Civita Castellana

Vince, Cate e Spagna, tre giovani torinesi alle prese con i primi batticuori, le prime esperienze sessuali e le prime pene d’amore. Tre amici inseparabili, tre personalità diverse che disegnano un ritratto perfetto di quegli anni: il figlio di operai che cerca di fare il paninaro, innamorato della bella della classe, che per ora è solo la sua migliore amica, che si innamora del fighetto di turno Romeo, figlio di papà, che vive in collina e si atteggia da arrogante, nascondendo sotto questo comportamento una grande solitudine. E poi c’è la dark, la prof che prima di un’insegnante è un’amica, i gruppetti “categorizzati”, le secchione, i bocciati ecc, e tanti altri personaggi collaterali, che tutti abbiamo avuto in classe alle medie o alle superiori.

A raccontarli è la penna di Luca Bianchini che catapulta il lettore direttamente negli anni ’80, nel suo liceo di Moncalieri. Presenterà il suo nuovo romanzo Nessuno come noi a Civita Castellana sabato 25 marzo alle 17 presso la sala conferenze del Forte Sangallo.

In un liceo statale dove si incontrano i ricchi della collina e i meno privilegiati della periferia torinese, Vince, Cate, Romeo e Spagna partiranno per un viaggio alla scoperta di se stessi senza avere a disposizione un computer o uno smartphone che gli indichi la via, chiedendo, andando a sbattere, scrivendosi bigliettini e pregando un telefono fisso perché suoni quando sono a casa. E, soprattutto, capendo quanto sia importante non avere paura delle proprie debolezze.

Luca Bianchini
è nato a Torino nel 1970 e ha frequentato il liceo Majorana di Moncalieri. Con Mondadori ha pubblicato Instant love (2003), Ti seguo ogni notte (2004), la biografia di Eros Ramazzotti, Eros – Lo giuro (2005), Se domani farà bel tempo (2007), Siamo solo amici (2011) e Dimmi che credi al destino (2015). Nel 2013 le storie pugliesi di Io che amo solo te e La cena di Natale hanno conquistato le classifiche e il cuore dei lettori. Da questi romanzi sono stati tratti due film di grande successo nel 2015 e nel 2016. Collabora con Repubblica e Vanity Fair per cui tiene il blog Pop up. Bianchini, scrittore dalla vena pop, racconta l’amore non corrisposto, i fraintendimenti, le ingenuità, la scoperta di sé, la paura di non farcela e il coraggio di affrontare le proprie debolezze.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI