Nella Tuscia dei Presepi Viventi: Civita di Bagnoregio, scenario naturale

Fervono i preparativi nel piccolo borgo in cui il tempo pare essersi fermato, la città che muore si appresta a rappresentare una delle migliori natività nella tradizione della Tuscia. Nei giorni 26 dicembre 2016, 1, 6, 7 e 8 gennaio 2017 dalle ore 16,30 alle ore 19,00, si rinnoverà a Civita di Bagnoregio lo straordinario evento del Presepe Vivente. L’organizzazione sarà curata per il secondo anno consecutivo dal Comitato di Croce Rossa Italiana di Bagnoregio e Lubriano ed i proventi saranno utilizzati per l’acquisto di una nuovo mezzo per il trasporto dei disabili motori.
L’antico borgo offre un’ambientazione unica che riproduce un paesaggio non comune: un ponte pedonale lungo circa 300 metri è l’unica via d’accesso e solo fino a qualche anno fa ogni sorta di materiale veniva recapitato a dorso di mulo.
La più antica tradizione del Natale cristiano si sposa mirabilmente con l’ambientazione unica al mondo di Civita di Bagnoregio: il mercato di stoffe, di frutta e spezie trasportano i visitatori in quel villaggio che oltre 2.000 anni fa diede i natali a Gesù Bambino; un insediamento romano, una serie di accampamenti beduini, la lunga via di artigiani e commercianti ed infine i Re Magi che arrivano dal lontanissimo oriente fanno da splendido contorno alla capanna della Sacra Famiglia.
La sera, quando cala il sole ed il Presepe Vivente ha inizio, il calore dei fuochi si intreccia mirabilmente all’illuminazione perimetrale dell’abitato di Civita che per l’occasione indossa il suo vestito più bello per regalare un effetto straordinario visibile anche da lontano quando ci si affaccia sulla valle dei calanchi, splendida cornice all’antico borgo.
Un evento straordinario e assolutamente unico nel suo genere che si rpesta come straordianria occasione agli occhi del visitatore

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI