Mounier protagonista del convegno dell’associazione nazionale Giorgio La Pira

Si terrà il prossimo 27 giugno, alle 17, a Civita Castellana, il nuovo importante convegno dell’associazione culturale nazionale Giorgio La Pira.
L’incontro di studi, ospitato presso la Sala Conferenze della Curia Arcivescovile, è
organizzato dall’associazione “Giorgio La Pira”, con il patrocinio della Fondazione “Giorgio La Pira”, dell’Accademia di studi storici “Aldo Moro”, dell’Archivio storico Flamigni, del Comune di Civita Castellana e dell’Istituto Midossi.

Al centro del dibattito, l’attualità del pensiero di Emmanuel Mounier, filosofo francese morto nel 1950, noto per aver definito la posizione del personalismo comunitario.
Il concetto ‟personalista e comunitario” si pone come alternativa tra liberalismo capitalista e socialismo marxista e viene espresso, in ogni sua sfumatura, nell’ ‟Esprit”, rivista che Mounier e i suoi amici fondarono nel 1930.

Il personalismo del pensatore si inserisce nel solco di una rottura pratica e teorica con la civiltà della sua epoca ed è, prima di tutto, la reazione di un cristiano rigoroso di fronte a un mondo che rinnega i suoi valori.
Mounier non riesce a rassegnarsi alla degradazione dell’uomo in una società dominata dal denaro, e si indigna profondamente di fronte all’avidità del possesso e della banalità quotidiana, denunciando, con amarezza, ‟la desolazione dell’uomo senza dimensione interiore, incapace di incontri”.
Il convegno, che sarà introdotto dal dott. Emilio Corteselli (Presidente Associazione culturale nazionale “Giorgio La Pira”) vedrà gli interventi dei professori Giovanni Bianco (Università di Sassari), Aurelio Rizzacasa (Università di Perugia) Nicola Tranfaglia (Università di Torino) e Roberto Gatti (Università di Perugia).

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI