Mons. Lino Fumagalli: “Non perdiamo e non lasciamoci rubare la gioia del Natale”

Ecco il messaggio natalizio alla propria diocesi del Vescovo di Viterbo Mons. Lino Fumagalli.

“Carissimi fratelli ed amici nel Signore,
ci stiamo preparando al Natale aiutati dalla Vergine Madre che concepì e portò in grembo con ineffabile amore il Signore Gesù.
Attraverso il memoriale liturgico non solo ricordiamo, ma rendiamo presente la nascita di Gesù. “Oggi è nato per voi il Salvatore che è Cristo Signore”.
«In una cultura spesso dominata dalla tecnica, sembrano moltiplicarsi le forme di tristezza e solitudine in cui cadono le persone, e anche tanti giovani. Il futuro infatti sembra essere ostaggio dell’incertezza che non consente di avere stabilità. È così che sorgono spesso sentimenti di malinconia, tristezza e noia, che lentamente possono portare alla disperazione. C’è bisogno di testimoni di speranza e di gioia vera, per scacciare le chimere che promettono una facile felicità con paradisi artificiali. Il vuoto profondo di tanti può essere riempito dalla speranza che portiamo nel cuore e dalla gioia che ne deriva. C’è tanto bisogno di riconoscere la gioia che si rivela nel cuore toccato dalla misericordia. Facciamo tesoro, pertanto delle parole dell’Apostolo: “Siate sempre lieti nel Signore” (Fil 4,4; cf. 1Ts 5,16)» (Francesco, Misericordia et misera, n. 3).
Assaporiamo tutti la gioia che la venuta del Signore porta a ciascuno di noi e al mondo intero.
Gioia di sentirci amati di un amore infinito che condivide la nostra natura umana, che si fa uomo per renderci partecipi della natura divina;
Gioia di appartenere ad una famiglia, la Chiesa, che come madre premurosa ci nutre, ci consola, ci guida e ci insegna la via del bene e della fedeltà all’uomo, redento da Cristo;
Gioia di sentirci chiamati a rendere presente l’amore di Dio nel tempo e nella storia, testimoni di misericordia, di condivisione, di solidarietà;
Gioia di sperimentare che la speranza di un mondo migliore da costruire sulla terra, in attesa della vita piena in cielo, illumina e sostiene il nostro cammino, riscalda il cuore e sostiene l’impegno per una Chiesa e un mondo migliore.
Non perdiamo e non lasciamoci rubare la gioia del Natale!
Viviamo questi giorni nell’incontro personale con Gesù: possiamo chiedergli “Perché, Signore, tanta solitudine e povertà? Chi te lo ha fatto fare?”. E ascoltiamo la risposta: “Perché ti voglio bene!”. Facciamo esperienza di questo amore, permettiamogli di scaldarci il cuore e di illuminare una vita nuova.
Viviamo questa gioia nell’attenzione agli altri, ai nostri familiari, amici, conoscenti … soprattutto ai poveri e agli emarginati. Chi ha incontrato il Signore sente il bisogno di portarlo agli altri, facendosi carico, come Lui, di chi è in difficoltà, nell’incertezza e nel dolore.
Consolazione, condivisione e solidarietà esprimono la gioia del Natale e l’autenticità dell’incontro con il Signore.
Concludo questo mio augurio con le parole di Papa Francesco: “La grazia che è apparsa nel mondo è Gesù, nato dalla Vergine Maria, vero uomo e vero Dio. Egli è venuto nella nostra storia, ha condiviso il nostro cammino. È venuto per liberarci dalle tenebre e donarci la luce. In Lui è apparsa la grazia, la misericordia, la tenerezza del Padre: Gesù è l’Amore fattosi carne”.
A tutti voi, alle vostre famiglie, alle nostre Comunità parrocchiali, l’augurio fraterno di un gioioso, Santo Natale.
LINO FUMAGALLI
Vescovo

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI