Vincenzo Rapposelli: “Monetizzazione greco-romana”:

“Monetizzazione greco-romana” è il tema della conferenza, del dottor Vincenzo Rapposelli a cura di Archeotuscia onlus che si svolgerà giovedì 23 febbraio alla Sala Coronas,della Prefettura in Piazza del Plebiscito a Viterbo alle ore 17.00, con ingresso libero
Nella conferenza Rapposelli, attraverso 23 tavole illustrerà tutte le vicende politiche, economiche, storiche e monetali delle città della “Megàle Hellàs” (Magna Grecia)
Infatti, La Magna Grecia, in termini classici, è quella parte dell’Italia meridionale, esclusa la Sicilia, che fu oggetto di colonizzazione da parte di città-Stato greche, mosse dai più complessi motivi:
•eccedenza di popolazione rispetto alle risorse disponibili,
•esilio forzato di gruppi di cittadini in contrasto politico con la classe dirigente,
•guerre, carestie ed epidemie, ecc.
L’VIII° secolo a. C. è il punto di partenza temporale della fondazione di colonie magno greche e le prime città che cominciarono a battere moneta furono Sibari, Crotone, Metaponto e Caulonia, città fondate da Achei del Peloponneso e dell’Acaia.
La presenza greca più antica è documentata a Phitecoussai (l’attuale Ischia in Campania) con un “emporion” commerciale della prima metà dell’VIII secolo.
Cuma sulla terraferma è la prima vera colonia fondata da Calcidesi dell’Eubea e da Cumani dell’Etolia.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI