Mi sa che fuori è primavera: una storia vera prima mondiale a Tuscania

Rappresentazione tratta dal libro di Concita De Gregorio. Regia di Giorgio Barberio Corsetti. Adattamento teatrale di Gaia Saitta.
Produzione di Festival Quartieri dell’Arte, Forteresse, Fattore K, Fondazione Odyssea.
EU Collective Plays! Project co-funded by the Creative Europe Programme of the European Union
PRIMA MONDIALE 6 settembre – 9 settembre
Dal 6 settembre alle 21:00 al 9 settembre alle 23:00

Al Supercinema Tuscania
Via Garibaldi 1, 01017 Tuscania

Mi sa che fuori è primavera è il racconto di una eroina contemporanea, di una donna dei nostri giorni, Irina, alla quale vengono sottratte dal marito, un ingegnere tedesco le due figlie gemelle di sei anni. L’uomo si uccide e le bambine non saranno mai più ritrovate. Una vicenda tragica, realmente accaduta, che la giornalista Concita De Gregorio esprime con parole dense e delicate, trasposte in scena dalla regia di Giorgio Barberio Corsetti. Rompendo la separazione tra attore e spettatore, i pensieri dell’Irina del libro si animano, prendendo corpo, a partire dal giorno del suo compleanno, allo stesso modo delle Tre Sorelle di Cechov, mentre gli spettatori vengono accolti come fossero gli invitati della festa. Un compleanno particolare che la donna ha deciso di festeggiare chiamando tutti i suoi conoscenti, con l’intento di rimettere insieme i pezzi della sua esistenza.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI