Mi hanno rimasto solo: umorismo romanesco con Michele La Ginestra

Michele La Ginestra

Prosegue la stagione teatrale 2014/2015 del Teatro Bianconi di Carbognano. Dopo l’esilarante commedia sulla storia d’Italia, “Da Verdi al verde”, messa in scena da Martufello, sabato 29 e domenica 30 novembre alle 21.00 sarà la volta di “Mi hanno rimasto solo” di Michele La Ginestra.

Scritto e diretto da Michele La Ginestra, lo spettacolo “gioca” con un palcoscenico vuoto dove il protagonista racconta al teatro il suo sogno: poter interpretare ogni sera un personaggio diverso. Il teatro lo ascolta e decide di diventare suo complice, apre il “cassetto dei ricordi” e gli fa trovare sul palco testi, costumi e musiche, per rappresentare ogni volta una storia differente. “Mi hanno rimasto solo”, è quindi la storia di una serie di personaggi che raccontano i loro dubbi e le loro contraddizioni, il tutto condito da umorismo romanesco: un calciatore non troppo avviato, una Cappuccetto Rosso un po’ diversa da come la si ricordava, un Leonardo Da Vinci in crisi creativa e un prete affatto canonico.

Con questo spettacolo, Michele La Ginestra metterà in scena tutto il suo estro recitativo, le sue doti di attore brillante che cercherà di conquistare il pubblico grazie alla sua innata comicità fatta di una mimica insuperabile e una espressività impareggiabile. Frutto di una passione, quella per il teatro, avviata da quando era bambino nel salone dei Santi Sette Fondatori, parrocchia del quartiere Nomentano dove ha mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo. Pian piano, dopo una decina di spot pubblicitari (l’ultimo quello della pasta De Cecco), diverse comparizioni sul grande schermo ed un numero invidiabile di commedie teatrali, è il direttore artistico del Teatro Sette, nato nel 1991 come luogo alternativo alla strada con l’intento di educare i ragazzi a crescere culturalmente e che dedica alla beneficenza la maggior parte delle sue serate collaborando con diverse onlus.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI