Memorie di un medico cattolico dalla guerra di Libia a Caporetto, il libro di Filippo Petroselli

Nel quadro del Centenario della Grande Guerra, il vescovo monsignor Lino Fumagalli presenterà a Viterbo, il libro di Filippo Petroselli “Ospedale da campo. Memorie di un medico cattolico dalla guerra di Libia a Caporetto”, curato da Gianni Scipione Rossi ed edito da Rubbettino in collaborazione con la Fondazione Caffeina. La presentazione si terrà venerdì 20 ottobre, alle 18.00, nella Sala Regia del Palazzo dei Priori del capoluogo della Tuscia. Con mons. Fumagalli partecipano Giorgio Renzetti e Gianni Scipione Rossi. Letture di Raffaello Fusaro.

Medico e scrittore, il viterbese Filippo Petroselli partecipò come ufficiale di Sanità al conflitto italo-turco e alla Grande Guerra. Scritte tra il 1920 e il 1921, le memorie si segnalano per il punto di vista di un giovane intellettuale – come rileva il curatore Rossi – .

Petroselli è a un tempo patriottico e scettico. Ama la . Ma è intriso di spirito cristiano, e in lui amor di patria e pietà per il costo umano della Grande Guerra si confondono in una lettura critica degli eventi. Di fronte alla disfatta di Caporetto ammonisce: . E nonostante sia felice della Vittoria, avvertirà: <Ricordatelo! La guerra non purifica. È una menzogna! La guerra è una melma che tutto copre e imputridisce>.

Talvolta ironiche, talvolta cupe, sempre realistiche, le memorie di Filippo Petroselli aprono uno spaccato sul clima culturale italiano del travagliato secondo decennio del Novecento. Risorgimentale “riluttante”, formatosi in un ambiente familiare e sociale clericale, il primo conflitto mondiale è stato per l’ufficiale medico l’ di Benedetto XV.

“Ospedale da campo” uscirà in libreria il 19 ottobre.

petroselli cover.jpg (323 Kb)
Download , Elimina
Messaggi – Contatti – Calendario – Opzioni – PEC webmail – Logout
Copyright © 2017 – Aruba S.p.A. – tutti i diritti riservati

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI