Mauro Martino: alla scoperta dell’economia cinese con USAC

mauro martino

Della Cina quello che mi ha sempre affascinato era poter capire in prima persona come possa essere una delle economie più importanti al mondo. Da studente di Economia, quello è il mio mondo. Dopo un momento iniziale di insicurezza, ho deciso di partecipare al bando USAC con l’intenzione di vincere una borsa di studio proprio per Shanghai. Il motivo? Perché certi treni non passano spesso e nonostante l’incombente sessione di laurea, sono partito lo stesso. Tra l’altro ho incluso la mia esperienza in Cina nel mio lavoro.

L’impatto con la cultura cinese non è stato traumatico anche grazie allo staff USAC. Fatta eccezione per qualche difficoltà nel comprendere le segnalazioni scritte nella lingua locale, la città è influenzata dalla cultura e dai costumi occidentali. Un mix di tradizione ed innovazione molto intrigante.

Devo ammettere che non ho mai sentito la mancanza di casa. Non avendo disturbi alimentari o particolari esigenze, non ho avuto neanche difficoltà ad abituarmi alla cucina cinese.

Le differenze con la nostra organizzazione sono molte. Quello che mi ha colpito è l’efficienza dei mezzi pubblici cinesi: nettamente superiore a quella italiana mentre, al di fuori del centro città, la pulizia è a tratti scadente.

Il metodo d’insegnamento che ci hanno proposto è stato basato su un approccio interattivo. Lo studente è parte attiva della lezione, al contrario di come avviene in Italia. E questo non è una spetto da sottovalutare.

Sono rimasto un mese e mezzo. Generalmente siamo stati sempre ben accolti dalla popolazione locale. In particolar modo dai commercianti e dai ristoratori. Questo sia per un fattore culturale sia perché, essendo facilmente riconoscibili come stranieri, siamo una fonte di ricchezza.

Poi come tutte le belle storie, si arriva al finale: tornare a casa è stato difficile. Anche dopo una settimana dal rientro continuavo a rispondere in inglese e trovavo non poche difficoltà nel trovare le parole in italiano. Ma ancora di più è stato complicato ambientarsi di nuovo alla routine monotona di Viterbo. E’ stato arduo passare da una città dinamica e piena di opportunità come Shanghai ad una più piccola e rilassante, a tratti anche noiosa.

La voglia era di restare lì, ma per motivi accademici e per ovvi motivi pratici sono dovuto tornare. Dopo un mese mi sono laureato, portando a compimento la mia triennale. Ora sto facendo la specialistica e sono già pronto a rispondere a un altro bando per mettermi nuovamente in viaggio.

[pp_gallery gallery_id=”19754″ width=”300″ height=”200″]

Mauro Martino, 22 anni, studia Economia, è partito grazie a un bando USAC 

USAC http://usac.unr.edu/

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI