Maria Grazia Calandrone alla Biblioteca per “Elogio della Poesia”

Viterbo continua a rispondere caldamente alla rassegna di poesia curata da Elvira Federici e dalla biblioteca di viale Trento. Dopo tre seguitissimi incontri (con la gente in piedi in più di un’occasione), ecco arrivare sul palcoscenico di “Elogio della poesia” un’altra poetessa di indiscusso spessore: Maria Grazia Calandrone.

Pubblicata e tradotta in molte lingue, la Calandrone è una vera e propria attivista della parola: organizza incontri di lettura e laboratori di scrittura creativa nelle carceri, nei DSM, con i malati di Alzheimer e con i migranti e – tra le altre cose – è una delle poetesse e scrittrici coinvolte nel progetto “Piccoli Maestri”, un’associazione di scrittori e scrittrici che vanno nelle scuole a raccontare e leggere libri.

Insieme al suo mirabile impegno in favore della lettura, è anche autrice e conduttrice di programmi culturali per Radio 3 e al mestiere di poetessa affianca anche quello di drammaturga, artista visiva e performer. La sua poesia è tradotta in: arabo, catalano, ceco, francese, giapponese, greco, inglese, iraniano, olandese, portoghese, romeno, russo, serbo, sloveno, spagnolo (Spagna, Argentina, Cile, Ecuador, Messico, Venezuela), svedese, tedesco e turco.

Tra i molti premi e riconoscimenti conseguiti, è da segnalare il Premio Haiku dell’Istituto Giapponese di Cultura, il Premio Pasolini Opera Prima, il Premio Napoli, premio Marazza e Tassoni mentre con la silloge “Illustrazioni” ha vinto l’XI edizione del Premio Montale per l’inedito.

Appuntamento mercoledì 15 alle ore 17,30 a Viale Trento (ingresso al 18/E)

www.bibliotecaviterbo.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI