Mannarino a Vulci con il tour “Corde 2015 “

Dopo Battiato, Manu Chao, e Bluvertigo Il 7 agosto, reduce del successo incassato all’Auditorium Parco della Musica nei giorni 17 e 18 luglio nella Capitale, in terra etrusca arriva Mannarino tra blues, stornelli e strofe maledette. Una cornice d’eccezione per il Vulci Music Fest a Montalto di Castro per ospiti d’eccezione che si conclude venerdi avendo regalat0 una parata di stelle.Mannarino torna live dando vita al progetto “CORDE” che nel 2013, con un sold out dopo l’altro, aveva incantato il pubblico. Ora, con “CORDE 2015”, Quello che cercherò di fare – racconta Mannarino – sarà soprattutto far risuonare le CORDE profonde degli spettatori, attraverso quei suoni organici e vivi che escono fuori dalle vibrazioni dei legni e di chi li suona. Uno strumento biologico, come una chitarra, un tamburo o un violino, somiglia molto a un corpo umano, teme il freddo e il caldo, parla piano e urla forte, sa cantare a piena voce e sa anche sussurrare. Questi pezzi di legno, pelle, corde si incastrano bene con gli esseri umani e sono STRUMENTI in grado di tradurre meglio di altri l’anima in suono».Le chitarre sono suonate da Tony Canto, Alessandro Chimienti e Alessandro Mannarino. Nicolò Pagani al contrabasso. Francesco Arcuri, polistrumentista, suonerà il violoncello, la sega sonora, alcune percussioni e si occuperà della parte elettronica. Al violino, tamburo battente e voce femminile, Lavinia Mancusi. Gli strumenti a corde si appoggeranno sulle ritmiche del percussionista polistrumentista Daniele Leucci.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI