Manifestazione: E’ cambiata la Grecia, cambiamo l’Europa

Anche dalla Provincia di Viterbo parte l’appello congiunto di CGIL, ARCI, SEL, Rifondazione Comunista di partecipare alla manifestazione E’ cambiata la Grecia, cambiamo l’Europa. Il ricatto della BCE al nuovo governo greco è un ricatto contro tutti noi. Il momento è ora, per fare in tutta Europa come hanno fatto i greci: alzare la testa e non avere paura. Siamo tutti in gioco. La Grecia dimostra che una alternativa democratica e sociale alla austerità e al neoliberismo è possibile e può vincere.

Non siamo costretti a vivere strangolati nella trappola del debito e del pareggio di bilancio. Non sono obbligatorie le privatizzazioni, lo smantellamento dello stato sociale, la precarietà e la disoccupazione. Le sole riforme efficaci sono quelle che fanno pagare i ricchi e non i poveri, che combattono la corruzione, l’evasione fiscale, la fuga dei capitali – come propone il nuovo governo greco. La spinta che viene dalla Grecia ci obbliga a non restare fermi ma a ad avanzare proposte unitarie che abbiano al centro le tematiche del lavoro, dell’ambiente e dello stato sociale.

A partire dalla Provincia di Viterbo che vive una situazione drammatica in relazione alla disoccupazione dilagante, alla sottrazione di presidi sanitari, all’edilizia scolastica e alle  emergenze ambientali. Tutto questo ci spinge ad attivarci nel territorio in maniera congiunta, con scelte condivise che contribuiscano concretamente ad un cambiamento reale.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI