M5s: Poggio Giudio un tesoro che pochi conoscono

Riceviamo e pubblichiamo:

Probabilmente tutti hanno notato che a pochi passi da porta Faul, all’inizio di strada Bagni c’è una zona archeologica denominata Poggio Giudio, ma ben pochi sono a conoscenza della storia kafkiana che vi si nasconde.
Poggio Giudio si compone di due aree archeologiche di notevole valore archeologico e turistico, che al momento sono fisicamente divise dalla morfologia del terreno, ma soprattutto da un insormontabile scoglio che prende il nome di burocrazia.
Abbiamo ascoltato l’accorato appello del Dott. Pasquale Marino, appassionato archeologo professionista, nonché proprietario della parte di Poggio Giudio visibile a chi transita per strada Bagni, che da anni sta tentando, inascoltato, di valorizzare l’intera area unendo la parte di sua proprietà con quella sovrastante di proprietà della provincia di Viterbo. Il Dott. Marino ha a più riprese proposto progetti agli uffici provinciali preposti, senza mai ottenere alcun impegno da parte dell’ente provinciale. L’aspetto kafkiano della vicenda consiste nel fatto che l’ente pubblico ha a suo tempo acquisito il bene vincolato ai beni culturali, senza però acquisire alcuna via di accesso al bene stesso; ossia chiunque volesse accedere alla zona di proprietà della provincia di Viterbo si deve paracadutare sulla proprietà oppure chiedere il permesso (ricordiamo che non esiste servitù di passaggio) ad uno dei proprietari confinanti tra cui il Dott. Marino. Risultato: la zona di cui sopra dove insistono ben 18 tombe etrusche, alcune delle quali di rara bellezza, che unite al sito sottostante, determinerebbero una zona di altissimo valore archeologico e turistico alle porte della città, è di fatto una zona abbandonata a se stessa soggetta ad un degrado irreversibile e non è nella disponibilità né della comunità cittadina e neanche nella disponibilità del suo legittimo proprietario!
Il Dott. Marino presenterà un progetto di valorizzazione dell’area Poggio Giudio nell’ambito del progetto “Viterbo che vorrei”, all’interno della mostra “VITERBO IERI, OGGI E DOMANI”, che si terrà presso la Chiesa degli Almadiani dal 9 al 13 maggio 2018, dove, ricordiamo, una commissione valuterà le proposte di progetti, anche da parte di privati cittadini ma che siano di evidente beneficio per la collettività, con la possibilità che il M5S di Viterbo se ne faccia carico promuovendone la realizzazione.

Massimo Erbetti
Candidato Sindaco M5S Viterbo

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI