“L’Ultima estate dell’Europa” al Manlio di Magliano

Nel Teatro appena fuori porta a Magliano Sabina, quasi accostato a Civita Castellana, per chi ama la storia c’è questo sabato “L’ultima estate dell’Europa”, spettacolo-testimonianza dalla parte dei soldati sul conflitto di cui si è festeggiato il centenario.
Sul palcoscenico un cumulo di informe di sacchi e legni anneriti dal fuoco è la zattera a cui si aggrappa il protagonista dello spettacolo, un naufrago della guerra. Cederna dà voce e corpo a quell’umanità di vittime e di carnefici che trasformarono l’Europa in un immenso mattatoio. Un viaggio in “un’altra storia” dove si passa dall’esaltazione alla consapevolezza fino alla disperazione e alla morte, il tutto raccontato attraverso le memorie, le poesie e le lettere dal fronte. Oltre ai testi di grandi letterati come Carlo Emilio Gadda e Giuseppe Ungaretti, personaggi che l’attore interpreta mentre si trovano in prima linea a combattere. In questo viaggio il protagonista è accompagnato delle note toccanti eseguite dal vivo da Alberto Capelli (chitarre e percussioni) e Mauro Manzoni (flauti e sassofoni).

Regia: Ruggero Cara; Autori: Giuseppe Cederna e Augusto Golin; Con: Giuseppe Cederna; Musiche dal vivo: Alberto Capelli e Mauro Manzoni; Produzione: Art Up Art
Autori: Giuseppe Cederna e Augusto Golin
Durata: 80’

Per maggiori informazioni: 3203120850 Teatro Manlio

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI