L’odore del’India alla Torre di Chia , un profondo senso di comunione

Luciano Pasquini

Alla Torre di Chia è andata in scena la danza Kathak, sulle tracce del reportage sull’India di Pasolini. Domenica 24 settembre , le favorevoli previsioni hanno reso possibile uno spettacolo all’aperto che ha avuto il pregio di appagare i presenti per originalità delicatezza colore, sapore e magia esotica del’India di Pier Paolo Pasolini. “Roccaltia Musica Teatro” ha presentato  in collaborazione con “Fanelli International Kathak Company” L’Anno dell’India”, iniziativa a cura di Ilaria Passeri.

Immancabile all’inizio dello spettacolo di danza indiana Kathak la proposta di alcuni passi tratti dallo straordinario diario di viaggio del reportage in cui Pasolini trascrisse le impressioni ricevute in occasione del suo primo viaggio nel 1961 nel misterioso subcontinente.

A dar voce alle parole dello scrittore l’attore Aldo Paco Milea.
Uno spettacolo che ha saputo rendere appieno l’opera a cui si riferiva in cui  l’autore Pasolini ha tracciato una sorta di grande affresco sull’India che si connota in un passo del libro: “Mai, in nessun posto, in nessun’ora, in nessun atto, di tutto il nostro soggiorno indiano, abbiamo provato un così profondo senso di comunione, di tranquillità e, quasi, di gioia.”

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI