Lo Scaffale/”Avventure di piccole terre”: la mappa di ben cinquantuno isole italiane

AVVENTURE DI PICCOLE TERRE DI AMBROGIO BORSANI. Sono racconti che parlano di cinquantuno isole Italiane il lettore potrà immaginare una personale navigazione letteraria. Di mare di lago e un racconto dedicato all’isola Gave di Papadopoli sul fiume Piave, dove nel 1918 si scateno la battaglia del Solstizio. Ognuna ha una storia affascinante, alcune raccontano di efferati delitti, amori galeotti, luoghi di piacere, di visioni mistiche, confino e rinascita. Sì perché, dalla lettura, emerge come le isole non si liberino mai della loro storia, che continua a vivere, magari nascosta in un rudere o sulla cronaca ingiallita di un quotidiano. Ambrogio Borsani ha insegnato comunicazione all’Università di Napoli “ L’Orientale” lavorato come direttore creativo per varie agenzie internazionali di pubblicità. Un autore che oltre ai numerosi cenni storici, mai fine a se stessi, riesce a coinvolgere il lettore, con un’ironia difficile da trovare nel panorama attuale. Fornisce una carrellata di personaggi famosi e non, che hanno legato il loro destino a una delle cinquantuno isole: Choderlos de Laclos mandato a morire in una missione inutile sull’isola di San Paolo nel golfo di Taranto, Umberto Boccioni, s’innamora, corrisposto della bella principessa Vittoria Colonna di Teano, peccato che il destino non lo aveva avvertito che quei giorni, erano gli ultimi e i più belli della sua vita. Hemingway si apparta nel buen ritiro dell’isola di Torcello nella laguna Veneta, in cerca di pace e di folaghe da cacciare, mentre a Stoccolma ragionano se conferire il Nobel allo scrittore. Rudof Nureyev cerca di dimenticare la sua malattia sull’isola di Gallo Lungo, nel golfo di Salerno, nel momento della separazione dall’amata isola, piangerà, baciando la roccia dell’approdo. Ambrogio Borsani con una scrittura leggera, riesce a far tornare a riva queste storie, a farle rivivere. L’unico appunto, di non aver menzionato l’isola Martana e la Bisentina nel Lago di Bolsena, oltre alle anguille affogate nella vernaccia per la golosità di qualche Papa, di storie interessanti le avrebbe trovate sicuramente anche li. Leggendo, puoi incontrare la tua isola, perché non ti puoi sbagliare: ” Seconda stella a destra questo è il cammino e poi dritto, fino al mattino la strada la trovi da te porta all’isola che non c’è” (Edoardo Bennato).

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI