Librimmaginari. Al via la IV edizione viterbese

“Avventure dello sguardo”. Questo il titolo della IV edizione di Librimmaginari che riparte a Viterbo dal 27 novembre all 8 dicembre 2014.

Domenica 23 novembre un anteprima dell’evento: “Altri viaggi. Wu Ming a Viterbo” Wu Ming è un collettivo di scrittori provenienti dalla sezione bolognese del Luther Blissett Project, divenuto celebre con il romanzo “Q”. Attivo sulla scena culturale dal 2000, Wu Ming, che letteralmente significa “senza nome” include 4 scrittori di cui il nome è però noto.

Domenica 23 novembre alle ore 17:30, al Biancovolta (via delle Piaggie, 23 Viterbo): – Preview del testo collettivo “Storie, attraversamenti, paesaggi. Reimmaginare la via Francigena”. Progetto di Arci Viterbo, finanziato dalla Regione Lazio e con il patrocinio del comune di Caprarola, del dipartimento Disucom e dell Università della Tuscia. Al progetto partecipano AUCS, Ammappalitalia e Parole a km 0. – a seguire, verrà presentato “L’armata dei Sonnambuli” (Einaudi editori 2014) del collettivo Wu Ming, appartenente al sottogenere del romanzo storico. Ambientato a Parigi tra il 1793,e il 1795, èil II libro appartenente al “Trittico Atlantico”, che prevede tre libri ambientati negli ultimi 30 anni del XVIII secolo su entrambe le sponde dell Atlantico. È la narrazione di vari eventi del cosiddetto “regime del terrore”, dopo la decapitazione dell’ex sovrano Luigi XVI.

Alle ore 19:00 invece, al Circolo Arci LA ( via San Pietro 26 Viterbo): – incontro con Wu Ming con “Q e dintorni” e a seguire aperitivo con Egidio17. Il legame tra Wu Ming e Egidio17 è forte. Il primo romanzo del collettivo, che all epoca si faceva ancora chiamare Luther Blissett, risale al 1999: “Q”. Il famoso romanzo, si apre nel 1555,a Costantinopoli, dive il protagonista ricorda la sua vita iniziando a leggere il diario di Q. Dopo varie battaglie con i lanzechinecchi, il protagonista inizia a battersi per il realizzarsi della rivolta contadina. I punti in comune tra “Q” e Egidio17 Martin Lutero e le tesi di Wittenberg.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI