La Viterbese trionfa a Siracusa ed è a un passo dalle semifinali

Siracusa (4-2-3-1): Viola, Barbiero, Santamaria (dal 66° Marghi), Spinelli, Vindigni, Chiavaro, Longoni (dal 57° Palermo), Giordano, Dezai, Catania, Savanarola (dal 66° Arena). In panchina: D’Alessandro, Orefice, Palermo, Porcaro, Trofo, Marghi, Rizza, Dentice, Arena. Allenatore: Andrea Sottil.
Viterbese (4-3-1-2): Pini, Pandolfi, Pacciardi, Cuffa (dal 74° Nuvoli), Dierna, Scardala, Boldrini (dal 61° Belcastro), Ansini (dal 37° Perocchi), Invernizzi, Neglia, Bernardo. In panchina: Micheli, Perocchi, Selvatico, Pomante, Nuvoli, De Sena, Mbaye Babacar, Belcastro, Vegnaduzzo. Allenatore: Federico Nofri.
Arbitro: Alex Cavallina di Parma.
Reti: 9° Ansini, 19° Invernizzi, 28° Neglia, 72° Bernardo, 87° Giordano.

La Viterbese si aggiudica nettamente il primo round della poule scudetto della serie D, battendo per 1-4 il Siracusa allo stadio siciliano “Nicola De Simone” e compie un passo importantissimo verso l’accesso alle semifinali.
La partita inizia e subito si fa sentire la tensione in campo, tanto che al 2° minuto di gioco viene espulso per protesta il tecnico della formazione di casa, Andrea Sottil. Ne approfitta la Viterbese per spingere in avanti e al 9° minuto, grazie a un’azione in solitaria di Ansini, si porta in vantaggio, fissando il punteggio sullo 0 a 1. Il Siracusa non ci sta e prova con insistenza a cercare il pareggio, ma Scardala e soci controllano con autorevolezza le incursioni avversarie. Al 19° a dare la carica ai gialloblù è Neglia, che dalla fascia destra crossa per Invernizzi, il quale centra perfettamente lo specchio della porta e sigla il raddoppio: 0 a 2. I siciliani dimostrano di faticare e non poco per tenere a bada la manovra offensiva degli ospiti, che si rendono pericolosi ogni volta che si affacciano in area avversaria. E infatti al 28° minuto Neglia segna e porta la Viterbese in vantaggio di 3 reti: 0 a 3. Pochi minuti più tardi, Bernardo sfiora il quarto goal, ma la palla va di pochissimo fuori. Al 40° minuto si registra l’espulsione di Catania fra le fila del Siracusa, colpevole di aver deviato un tiro in rete con la mano e già ammonito all’inizio della gara. I padroni di casa, nonostante l’inferiorità numerica, provano a farsi strada in campo, ma non riescono a costruire azioni veramente insidiose per Pini. Il primo tempo si chiude con la chiara supremazia della Viterbese, che si è mostrata concentrata in difesa e spietata in attacco, lasciando pochissimo spazio ai siciliani.
Alla ripresa il trend non cambia, con i gialloblù sempre in avanti che costringono i padroni di casa a giocare perennemente sulla difensiva. Al 72° minuto Bernardo trafigge per la quarta volta la porta difesa da Viola e firma lo 0 a 4. La pratica dell’incontro è praticamente archiviata e nei minuti finali, l’unica nota di colore è un calcio di rigore assegnato all’87° al Siracusa e trasformato da Giordano, che fissa il punteggio sul 1-4. Il team allenato da mister Nofri stravince la sfida con il Siracusa e ora si può concedere una settimana di meritato riposo, prima di affrontare allo stadio Rocchi il Francavilla domenica 29 maggio per il secondo turno della poule scudetto della serie D.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI