La Viterbese si sveglia tardi: a Nuoro è 1 a 1

NUORESE (4-3-3): Deliperi, Bonu, Baone, Bossa, Bianchi, Pisanu, Cadau, Alessandrì A., Cappai, Fadda, Pusceddu. In panchina: Matzuzzi, Sanna, Cossu, Buttau, Tupponi, Deiana, Alessandrì E., Boi, Jeda. Allenatore: Marco Mariotti.
VITERBESE (4-3-3): Fadda, Tuniz, Costalunga, Scardala, Varricchio, Nuvoli, Oggiano (dal 66° Morini), Faenzi, Saraniti, Neglia, Pero Nullo (dal 57° Fanasca). In panchina: Zonfrilli, Pingitore, Pacciardi, Fanasca, Ghezzi, Giurato, Morini. Allenatore: Attilio Gregori
Arbitro: Fabio Cassella di Bra
RETI: 36° Pusceddu (N), 84° Fanasca (V).

Ultima giornata di campionato per la Viterbese in trasferta a Nuoro,dove sarebbe stato doveroso dare un segnale tangibile di prontezza per affrontare la lunga maratona dei play-off. Dallo stadio Frogheri della città sarda doveva arrivare un segnale forte . Lo aveva ribadito il mister Attilio Gregori: “Per fare bene bisogna affrontare la gara nel verso giusto!”. Invece le emozioni rese dal match sono state poche. La partita nel suo inizio è segnata dalle assenze di Giannone, squalificato, Dalmazi e Assenzio, infortunati. Lo scacchiere gialloblù viene quindi ridisegnato con l’ingresso in campo di Varricchio e Faenzi, che si schierano rispettivamente in difesa e a centrocampo. In un primo momento il nuovo assetto tattico sembra dare ragione agli ospiti, che si procurano un paio di buone occasioni per sbloccare il risultato, prima con Saraniti all’8°, che sfiora un passaggio di Oggiano davanti alla porta avversaria, e poi al 22° con Varricchio, che devia un corner di Pero Nullo di poco alto sopra la traversa. La Nuorese però non resta a guardare e al 36° costruisce l’azione vincente, smarcando in area Pusceddu classe 1995 talento della squadra verdeazzurra , che si ritrova da solo davanti a Fadda e, approfittando della scomposta difesa gialloblù, insacca la palla in rete, portando in vantaggio la propria squadra. Poco prima del rientro negli spogliatoi, la Viterbese prova con determinazione ad acciuffare il pareggio, ma un tiro di Oggiano dalla lunga distanza si spegne sul fondo del campo e le due squadre vanno a riposo sul risultato di 1 a 0. Nel secondo tempo, i gialloblù provano ad alzare il ritmo di gioco, mister Gregori modifica la formazione e, sostituendo Pero Nullo con Fanasca e Oggiano con Morini, passa al 4-2-3-1. Il nuovo modulo dà subito mordente ai gialloblù, che provano con Fanasca a pareggiare, ma l’attaccante non centra lo specchio della porta. Appuntamento rimandato di una manciata di secondi, perché nell’azione successiva lo stesso Fanasca (in foto) si ritrova libero in area e all’84° calcia con freddezza il goal dell’1 a 1. Finisce con questo risultato di pareggio una partita che ha visto patron Camilli sugli spalti a seguire la squadra nella trasferta sarda e magari si aspettava un finale di stagione più autorevole.Si chiude il campionato regolare,appuntamento domenica 24 maggio per i play-off.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI