La Viterbese rimonta con grinta e liquida l’Olbia per 3 a 1

Viterbese (4-3-1-2): Pini, Ansini, Fè, Cuffa, Pomante (dal 68° Romeo), Dierna, Mbaye Babacar, Nuvoli, Bernardo (dal 76° Selvatico), Belcastro (dall’85° Dalmazzi), Neglia. In panchina: Mastropietro, Dalmazzi, Muriel Dorigatti, Pacciardi, Selvatico, De Sena, Addessi, Nohman, Romeo. Allenatore: Federico Nofri.
Olbia (4-3-3): Van Der Want, Cacciotti, Negrean, Streri, Peana, Miceli (dall’82° Aloia), Ricciardi, Falasca, Giglio, Molino, Mastinu (dal 28° Salim). In panchina: Mazzoleni, Tricoli, Brenci, Aloia, Formuso, Doddo, De Cicco, Salim, Marro. Allenatore: Oberdan Biagioni.
Arbitro: Marco D’Ascanio di Ancona.
Reti: 28° Molino (rig), 46° Cuffa, 70° Belcastro, 93°Mbaye.

La Viterbese vista oggi al Rocchi contro l’Olbia è una squadra che ha giocato un buonissimo calcio e sta crescendo. Nonostante lo svantaggio iniziale, i gialloblù sono stati capaci di rimontare e aggiudicarsi una vittoria meritata e importantissima ai fini della graduatoria.
La partita comincia e le due formazioni si chiudono sulla difensiva per studiarsi reciprocamente. La Viterbese si affaccia timidamente in zona d’attacco, ma non riesce a costruire un’azione davvero pericolosa. Al 16° è Mbaye Babacar a provare la conclusione, ma Van Der Want intercetta senza problemi. Al 27° l’Olbia si porta in avanti con Molino, che entra in area e viene atterrato da Ansini: l’arbitro decreta il calcio di rigore. Al 28° è lo stesso Molino che s’incarica di battere il penalty e segna, battendo d’un soffio Pini e siglando lo 0 a 1.
I padroni di casa provano a reagire, ma la difesa dei sardi è attenta e non si lascia sorprendere. Negli ultimi minuti del primo tempo i gialloblù spingono in avanti alla ricerca del pareggio, ma l’Olbia resiste e si rientra negli spogliatoi sul punteggio di 0 a 1. Poco prima del doppio fischio arbitrale, però, viene espulso Giglio per una gomitata assestata a Cuffa e la formazione sarda è costretta a giocare in 10 uomini per tutto il resto dell’incontro.
Nel secondo tempo la Viterbese cambia ritmo e si fa vedere subito davanti alla porta avversaria. Al 46° dalla fascia sinistra parte un cross per Mbaye, che passa la palla a Cuffa, il quale calcia in rete, battendo Van Der Want e riportando il risultato in equilibrio sull’1 a 1. Al 59° c’è un’altra occasione per la Viterbese, che fa valere la propria superiorità numerica e manovra in zona offensiva con Belcastro che smarca Mbaye, il quale da distanza ravvicinata tira centrale, agevolando la respinta di Van Der Want. I gialloblù continuano ad attaccare e al 70° Mbaye crossa in area e trova Belcastro, che calcia in porta, portando il punteggio sul 2 a 1.
L’Olbia resta schiacciata nella propria metà campo, mentre la Viterbese gestisce il possesso di palla, costruendo di tanto in tanto azioni in grado di impensierire la difesa avversaria. Nei minuti finali c’è un assolo della Viterbese, che al 93° trova il terzo goal di Mbaye.
Una grande prova di carattere della squadra allenata da mister Nofri, autrice di una prestazione convincente, che vale il secondo posto in classifica con un bottino di 27 punti, a pari merito con il Rieti e alle spalle di Arzachena (30 punti) e Grosseto (30 punti). Una posizione strategicamente comoda per attendere il Cynthia, prossima avversaria di campionato, che oggi ha espugnato il campo dell’Astrea per 3 a 0 e si colloca al nono posto con 17 punti.
(Foto di Antonio Frosolini)

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI