La Viterbese punisce la Pistoiese con un gol capolavoro di Sandomenico

Viterbese (3-4-3): Iannarilli, Pacciardi, Falcone (dal 90°+2 Dierna), Jallow (dal 68° Sandomenico), Neglia (dall’84° Battista), Miceli, Pandolfi R., Cardore, Varutti, Doninelli, Celiento. In panchina: Pini, D’Antonio, Dierna, Tortolano, Micheli, Paolelli, Battista, Sandomenico, Petroselli. Allenatore: Rosolino Puccica.
Pistoiese (3-4-3): Feola, Sammartino, Priola, Boni, Benedetti, Rovini (dal 64° Colombo), Gyasi, Colombini, Minotti (dal 77° Varano), Hamlili, Guglielmotti (dal 64° Bellazzini). In panchina: Albertoni, Placido, Proia, Bellazzini, Colombo, Pandolfi G., Luperini, Zanon, Varano, Piccoli, Fissore, Sparacello. Allenatore: Gianluca Atzori.
Arbitro: Luca Detta di Mantova.
Reti: 86° Sandomenico (V).

Nel trentatreesimo turno di Lega Pro (girone A), la Viterbese è tornata a giocare fra le mura amiche dello stadio Enrico Rocchi, dove ha liquidato per 1-0 la Pistoiese, avversaria ostica, comodamente piazzata in graduatoria in zona salvezza con 38 punti.
La partita inizia e i padroni di casa provano subito a prendere l’iniziativa, sfruttando la velocità di Jallow. Al 4° minuto Neglia scatta sulla fascia destra e passa a Cardore, che dai 20 metri di sinistro spara alto sopra la traversa. Al 15° minuto Miceli fa partire un lungo cross per Jallow, che dribbla un difensore e tira direttamente in porta, costringendo Feola alla deviazione in calcio d’angolo. Dopo un avvio un po’ spento, anche i toscani iniziano a farsi vedere in attacco e al 19° minuto guadagnano un calcio di punizione da posizione pericolosa, al limite dell’area avversaria. Batte Rovini, la palla sfiora l’incrocio dei pali, ma si spegne sul fondo. La Viterbese macina più gioco, ma la difesa degli ospiti controlla con determinazione la manovra offensiva gialloblù. Al 32° minuto Jallow intercetta un passaggio in area, viene toccato da un difensore e finisce a terra, ma l’arbitro lascia proseguire l’azione. Al 38° minuto Neglia si smarca in area, riceve palla, ma calcia troppo alto. Il primo tempo si chiude con i gialloblù in avanti sempre con Neglia, che trova un corridoio libero per Jallow ma l’attaccante si addormenta sulla palla e viene bloccato dalla retroguardia toscana. Le due squadre rientrano negli spogliatoi in parità, dopo 45 minuti poco emozionanti, ma giocati con intelligenza da entrambe le formazioni.
Alla ripresa, la Pistoiese prova a cambiare marcia, spingendo con maggiore determinazione in attacco. Al 52° minuto, Gyasi si ritrova a tu per tu con Iannarilli, ma il suo tiro è centrale e il numero 1 laziale non fatica a respingere. Al 55° minuto ci riprova Minotti con una conclusione dalla lunga distanza e Iannarilli para con sicurezza. Al 63° minuto Neglia batte un corner, servendo Cardore in area di rigore, che di testa fa filtrare per Jallow, ma l’attaccante manda fuori. Dopodiché la Viterbese fatica a costruire azioni in attacco, l’unico tiro in porta degno di nota è di Doninelli, che all’80° minuto calcia dai 20 metri e manda la palla alle stelle. All’86° minuto i gialloblù guadagnano un calcio di punizione dalla fascia sinistra, s’incarica della battuta Sandomenico, che inventa una parabola incredibile: la palla s’insacca sotto l’incrocio dei pali e Feola resta immobile: 1-0. I toscani provano a reagire, ma il triplice fischio dell’arbitro sancisce la terza vittoria consecutiva per il team guidato da mister Puccica. Un risultato importante per la Viterbese, che resta saldamente al settimo posto in classifica con un tesoretto di 50 punti. Una posizione confortevole per preparare la trasferta di sabato prossimo in casa della Carrarese, squadra ancora a caccia di risultati utili per schivare le sabbie mobili dei play-out.

(Foto di Antonio Frosolini)

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI