Viterbese: prima sconfitta sul campo del modesto Pro Piacenza

Pro Piacenza (4-4-2): Fumagalli, Calandra, Sane, Bini, Cavalli, Aspas, Pesenti, Cardin, Pugliese, Rossini (dall’80° Gomis), Cassani (dal 65° Marra). In panchina: Bertozzi, Scarcella, Martinez, Gomis, Ferrara, Marra, Negro, Bazzofia. Allenatore: Fulvio Pea.
Viterbese (3-4-1-2): Iannarilli, Mallus (dal 72° Marano), Cruciani, Dierna, Scardala, Belcastro, Diop, Bernardo (dall’10° Invernizzi), Fé (dal 56° Neglia), Cenciarelli, Pandolfi. In Panchina: Pini, Pacciardi, Invernizzi, Paolelli, Ansini, Neglia, Cardore, Marano, Mazzoli. Allenatore: Giovanni Cornacchini.
Arbitro: Paride De Angeli di Abbiategrasso (Milano).
Reti: Diop (31° V), Rossini (38° P), Pesenti (52° P).

Nella 10ma giornata di Lega Pro (girone A), la Viterbese è andata a far visita al Pro Piacenza, formazione relegata nei bassi fondi della classifica e a caccia di punti per spezzare la fase negativa di questo avvio di stagione. Una gara che sulla carta sembrava abbordabile si è trasformata in un incubo sul campo emiliano, dove – complici anche le numerose assenze (Celiento e Sforzini per infortuinio, Cuffa squalificato e Varutti indisponibile) – i gialloblù sono stati battuti per 2 a 1, perdendo l’imbattibilità in campionato.
La partita inizia e i padroni di casa attuano subito un pressing asfissiante per cercare di stroncare sul nascere le velleità offensive degli avversari, provando a sorprenderli con giocate veloci nelle ripartenze o con soluzioni puntuali dai tiri piazzati. E infatti, al 15° minuto i rossoneri si procurano un buon calcio di punizione al limite dell’area di rigore, battuto da Aspas e rivolto a Pugliese, che però di testa spedisce direttamente sul fondo. Al 26° minuto si sveglia anche la Viterbese, che dopo pochi timidi tentativi in attacco trova spazio con Cenciarelli, che fa scoccare un destro potente dai 20 metri, ma trova la pronta risposta di Fumagalli, che devia la palla in corner. Un minuto più tardi, ci prova Belcastro servito dallo stesso Cenciarelli, ma il portiere emiliano intercetta la sfera senza problemi. Al 31° minuto sono ancora i laziali a insistere in avanti, guadagnando terreno con Pandolfi, che dalla fascia destra calibra un traversone preciso per Diop, il quale insacca la palla in rete, sbloccando il punteggio sullo 0 a 1. La reazione del Pro Piacenza è tempestiva e parte dalle gambe di Rossini, che al 35° minuto prende le misure della porta difesa da Iannarilli con una conclusione dalla lunga distanza e al 38° trova il guizzo vincente, siglando il gol dell’1 a 1. La Viterbese chiude protesa in avanti e riesce a costruire un paio di occasioni interessanti prima della fine del primo tempo, ma la difesa rossonera serra le maglie e le due squadre rienrtano negli spogliatoi in perfetta parità.
Alla ripresa, Pesenti approfitta di un clamoroso errore di Mallus e prova a sorprendere il portiere laziale, che però interviene con sicurezza. Gli emiliani insistono e al 52° minuto un cross in area piccola imbecca il solito Pesenti, che con freddezza segna la rete del 2 a 1. Mister Cornacchini corre immediatamente ai ripari, affilando il proprio attacco con l’ingresso in campo di Neglia al posto di Fé, ma la mossa non dà l’impressione di rivitalizzare la manovra gialloblù, che si mostra spenta e prevedibile per l’attenta difesa piacentina. Al 78° minuto Cruciani smarca in area proprio Neglia, che però colpisce male e il tiro finisce alto sopra la traversa. All’89° minuto Marano punta lo specchio della porta e trova la respinta di Sane, la palla finisce sui piedi di Invernizzi, ma l’attaccante centra il palo e la palla termina fuori. E’ l’ultima azione degna di nota per gli ospiti prima della conclusione dell’incontro. La Viterbese subisce la prima sconfitta stagionale, mostrando le prime crepe nel reparto difensivo e le solite pecche in attacco, contro una squadra come il Pro Piacenza, tutt’altro che irresistibile. Una prestazione su cui riflettere in prospettiva della difficilissima sfida di domenica prossima allo stadio Enrico Rocchi contro il Livorno, impegnato lunedì sera nel big match con l’Arezzo.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI