La Viterbese guarisce dal mal di trasferta vincendo a Pontedera

Pontedera (3-5-2): Lori, Gemignani A., Risaliti, Vettori, Santini, Della Latta, Corsinelli (dal 68° Polvani), Calo’ (dal 79° Udoh), Calcagni (dal 60° Bonaventura), Caponi, Kabashi. In panchina: Anedda, Becuzzi, Borri, Polvani, Udoh, Gemignani D., Bonaventura, Chella, Massa, Barca, Cavalli. Allenatore: Paolo Indiani.
Viterbese (4-3-3): Iannarilli, Cruciani, Dierna, Cuffa, Falcone (dall’82° Doninelli), Jallow (dal 66° Neglia), Cenciarelli (dal 77° Pandolfi), Miceli, Sandomenico, Varutti, Celiento. In panchina: Micheli, Pini, Pacciardi, Tortolano, Battista, Neglia, Pandolfi, Cardore, Doninelli. Allenatore: Giovanni Cornacchini.
Arbitro: Alessandro Pietropaolo di Modena.
Reti: 43° Falcone (V), 72° Neglia rig. (V), 84° Udoh (P).

L’arrivo, o meglio, il ritorno di mister Cornacchini dopo l’esonero di Dino Pagliari giova alla Viterbese, che nella ventisettesima giornata Lega Pro (girone A) ha espugnato lo stadio Ettore Manucci, battendo il Pontedera per 1-2. Un risultato che finalmente spezza il pessimo trend in trasferta, dove i gialloblù non vincevano dallo scorso ottobre.
La partita inizia e i padroni di casa provano subito a prendere il sopravvento, schiacciando i laziali nella propria metà campo per il primo quarto d’ora di gioco. Della Latta smista a centrocampo palloni preziosi per le punte toscane, che però non riescono a impegnare seriamente i riflessi di Iannarilli. Al 19° minuto di gara anche gli ospiti fanno capolino in avanti e guadagnano un calcio d’angolo, controllato senza problemi dalla difesa granata. Durante il primo tempo i due portieri hanno vita facile, perché entrambe le formazioni non costruiscono azioni in attacco realmente pericolose. Si registrano soltanto un paio di punizioni, una per parte, battute da posizioni interessanti, ma respinte facilmente dalle rispettive difese. E proprio quando il match si sta per spegnere verso la pausa negli spoglaitoi, uno scatto di Jallow riaccende la manovra gialloblù. L’attaccante gambiano divora il campo e crossa in direzione di Falcone, che al 43° minuto di destro calibra un tiro angolatissimo alla sinistra di Lori, che sancisce lo 0 a 1. Il Pontedera non ha modo di reagire, perché l’arbitro non concede minuti di recupero e la Viterbese va a riposo con un importante vantaggio da gestire nella seconda metà dell’incontro.
Alla ripresa il Pontedera si mostra aggressivo e, prima con Della Latta e poi con Santini, prende di mira la porta gialloblù, ben protetta però da Iannarilli. I toscani cercano di spingere con insistenza in attacco e al 62° minuto Bonaventura, appena entrato al posto di Calcagni, scaglia un tiro potente ma centrale, che finisce fra le braccia del numero 1 laziale. Al 72° minuto un contropiede di Falcone mette in difficoltà la difesa granata. L’esterno viene atterrato irregolarmente in area di rigore e il direttore di gara assegna immediatamente il penalty. Va sul dischetto Neglia, prende una breve rincorsa e manda la palla a fil di palo, imprendibile per Lori: 0-2. Nei minuti conclusivi, mister Indiani prova a rinforzare la trazione anteriore inserendo Udoh al posto di Calo’. E proprio il neo-entrato riapre il match, accorciando le distanze all’84° minuto con il gol dell’1-2. Il Pontedera assedia la porta laziale e si sbilancia in avanti. Ne approfitta Neglia per impostare la manovra offensiva in superiorità numerica, serve rapido Sandomenico che segna ma l’arbitro annulla tutto per fuorigioco. Durante i 5 minuti di recupero, i padroni di casa cercano in ogni modo di agguantare il pareggio, sfiorando il gol con un colpo di testa di Della Latta che finisce di un soffio sul fondo. Non ci riescono e la Viterbese conquista una vittoria fondamentale per la classifica, dove balza al sesto posto con un bottino di 41 punti, alle spalle della Giana Erminio che orbita a quota 43 dopo aver sconfitto per 1-0 l’Olbia. E proprio la formazione lombarda sarà ospite domenica prossima allo stadio Enrico Rocchi per uno scontro diretto in chiave play-off.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI