La Traviata fa il tutto esaurito a Bagnoregio

Il pubblico durante La Traviata

Il Teatro Null, Officina culturale della Regione Lazio iportidellateverina,  all’Auditorium Taborra di Bagnoregio ha registrato un tutto esaurito domenica 16 novembre con un pubblico, anche in piedi, entusiasta, per la prima nazionale de “La Traviata” da Giuseppe Verdi. Apprezzata l’esecuzione dell’Orchestra I fiati dell’Alta Tuscia diretta in modo eccellente dal Maestro Marco Taschini, il giovane tenore Giordano Ferri panni di Alfredo Germont, mentre la coreana soprano Hyun Su Seo un’eccellente Violetta Valéry, Gianni Abbate ha sapientemente narrato la genesi dell’Opera e ne ha introdotto le varie scene, curando anche la scrittura scenica e la regia.

E’ stato interessante ascoltare Abbate narrare come sia nata la Traviata verdiana, partendo dal suo personaggio reale esistito ai tempi di Luigi Filippo Marie Duplessis, per arrivare a Violetta e un’analisi attenta della società in cui è ambientata l’Opera. Lo spettacolo, nato dal progetto L’Opera con tre soldi, un modo inconsueto e popolare, per divulgare al grosso pubblico il genere operistico, ha colto nel segno. Per tutti quelli che non sono riusciti ad entrare a Bagnoregio per mancanza di posti, ricordiamo le prossime repliche a Celleno il 30 novembre e il 7 dicembre a Castiglione in Teverina.

Tutte le foto sono di Giannifantuzzi

[pp_gallery gallery_id=”12224″ width=”150″ height=”150″]

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI