La storia di una statua della Madonna di cera del 1864 nel libro di Claudio Mancini e Stefania Profili

A distanza di un anno dal recupero dell’antica statua della Madonna della Misericordia, l’Associazione OPEN Gallery presenterà il libro di Claudio Mancini e Stefania Profili “La statua della Madonna SS. della Misericordia di Sipicciano”, sabato 21 ottobre alle ore 18.00 nella ex chiesa di Santa Maria Assunta in cielo nel borgo di Sipicciano.
Gli autori esporranno il percorso che ha permesso di restaurare e di riportare in processione, dopo oltre cinquant’anni, un importante simulacro devozionale opera di un altrettanto importante artista viterbese della metà del secolo XIX. Si tratta di Gaetano Spadini, pittore e doratore, discendente da una delle famiglie storiche viterbesi che hanno realizzato alcuni modelli della macchina di Santa Rosa e che, insieme ad un altro noto artigiano viterbese, Pietro Garbini, vennero chiamati dalla contessa Francesca Piccolomini-Vannicelli a realizzare la statua nel 1864 per rispondere alle richieste dei fedeli di Sipicciano. Peculiarità dell’opera è la realizzazione del viso, delle mani e dei piedi, completamente in cera su una base di terracotta, recuperati in frantumi tra le macerie della ex chiesa dagli autori del libro e restaurati abilmente dallo studio romano dell’Arch. Beatrice Palma.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI