La Stella brilla a tratti: in Gara1 dopo l’overtime è sconfitta 89-98

Cristiano Politini

Al via la postseason della Stella Azzurra che al PalaMalè ospita Frassati per una gara 1 molto impegnativa per i viterbesi. Le due compagini si sono già affrontate e studiate nella regular season con gli uomini di Casadio che hanno battuto per 79 a 68 la Stella tra le mura di casa, ma che poi sono caduti al Pala Malè. Per questo incontro coach Fanciullo ha scelto il suo quintetto iniziale inamovibile: Caridà, Manetti, Baldelli, Meroi e Rovere.

Il match è partito con una Stella opaca che ha subito sin dai primi minuti l’offensiva avversaria, guidata da Cecchetti che ha concluso il primo quarto con 12 punti. Molti i canestri da 3 di Frassati con la Stella che ha provato a tenere botta senza riuscirci. Infatti, a fine primo quarto, i viterbesi hanno subito un passivo di -12 con un punteggio di 17-29.

Secondo quarto decisamente più intenso con una Stella che torna ad essere combattiva e si rifà sotto grazie ai punti di Luzza e Milazzo, accorciando fino al -7. Troppi punti mancati, però, negli ultimi minuti del secondo parziale con una Stella sprecona sotto canestro. Infatti, Frassati ha sfruttato la situazione allungando prepotentemente grazie a un Cecchetti on fire concludendo, così, il primo tempo sul +18 (35-53).

Fanciullo suona la carica durante l’intervallo e i suoi rientrano con un altro spirito per cercare la rimonta: sette punti consecutivi realizzati in tandem da Rogani e Rovere e un recupero a centrocampo di Luzza infiammano il palazzetto, con la squadra ospite costretta a chiamare il time-out. Operazione rimonta che prosegue con le triple di Manetti e Rogani che accorciano sul -5 (51-56). Sull’onda dell’entusiasmo la Stella difende con ordine e realizza altri due punti con Luzza. L’aggancio arriva a meno cinque dalla fine del terzo quarto con la tripla di Rovere che poi, con un gioco da tre, compie anche il sorpasso. La partita ora si gioca sul filo, con costanti sorpassi e controsorpassi. Nel finale di terzo quarto mini allungo degli ospiti, grazie soprattutto alla precisone nei tiri liberi, fattore che spesso è mancato ai padroni di casa.

La Stella, nell’ultimo quarto, è chiamata a finire la rimonta iniziata nel terzo parziale. Rogani è l’uomo chiave del sorpasso biancostellato: cinque punti in 4 minuti che valgono la remuntada della Stella. In un palazzetto incandescente i ragazzi di Fanciullo sembrano essere tornati quelli della regular season: intensità difensiva e canestri pesanti con i soliti Caridà e Rogani. Gara serratissima, si combatte su ogni palla, ma la Stella è brava e per due volte consecutive porta Frassati alla sirena dei 24, facendo perdergli, così, il possesso. I biancostellati, però, abbassano la guardia e si fanno prendere dall’entusiasmo subendo un piccolo allungo degli ospiti a 3 minuti dalla fine che si riportano in vantaggio (72-75). Fanciullo chiama il timeout per spronare i suoi e chiedere l’ultimo sforzo per portare a casa Gara1. A un minuto dalla fine è il solito Cecchetti a dare lo strappo portando i suoi a + 4. Nel finale è tutto per tutto della Stella che si trova nuovamente a rincorrere. Rovere va dalla lunetta portando a -2 i suoi per un finale al cardiopalma: Milazzo allo scadere tenta il tiro ma viene fermato fallosamente. Tre tiri dalla lunetta, il primo è fuori ma gli altri due sono dentro. La Stella è viva, si va all’overtime sul punteggio di 77-77.

I padroni di casa non sfruttano la motivazione data dall’incredibile pareggio acciuffato all’ultimo secondo nel quarto parziale. Infatti, a inizio overtime è Frassati a partire forte e ad allungare subito sul + 8 con lo scatenato Cecchetti e la tripla di Cammillucci. Alla fine la Stella molla concedendo troppo in difesa: gioco da tre punti di Moscianese che porta i suoi sul +11. Gara1 finisce 89-98. Ora Fanciullo dovrà lavorare per capire cosa migliorare per giocare da protagonista e portare a casa Gara2 per continuare nel sogno playoff.

Foto Cristiano Politini

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI