La Medjugorje della Tuscia: apparizioni nella Grotta a Marta

Anche la Tuscia ha il suo luogo di apparizioni della Vergine Celeste. Lo conoscete? Nel 1948 tre bambine hanno una visione all’interno di quella che una volta era una semplice cantina di Marta. La notizia fa il giro del paese e di tutti i centri vicini. Numerosissime sono le persone che presto si affollano per vedere e toccare quel luogo sacro. Mario, un pescatore poco più che trentenne, incuriosito da quelle dicerie, vuole andare a vedere con i propri occhi, ma troppa è la folla che trova davanti a sé. Come d’improvviso una luce lo raggiunse oltre le persone e come su una nuvola venne tutto d’un tratto trasportato di gran forza dentro la grotta, di fronte al luogo dell’apparizione. Quella spinta come egli ha raccontato gli fu data dalle braccia della Madonna, apparsa appena giunto nella parte più interna della grotta, tra due bellissimi angeli. La stessa Madonna che lui riusciva a vedere, immersa nella luce splendente. Per tutti, lui è Zio Mario, la sua vita è stata legata indissolubilmente, per sessantotto anni , alla Madonnina della grotta di Marta.
Tanti altri personaggi martani hanno avuto visioni, ricevuto miracoli o sono stati veggenti. Un signore che si recava lì in preghiera e che amava fare disegni a terra con la cera, un giorno raffigurò una chiesa che non conosceva, ma che si scoprì poi essere la chiesa di San Giacomo di Medjugorje, meta oggi di tanto pellegrinaggio.
Quello che la chiesa non riconosce incontra il fervore delle persone, tante, richiamate da quel luogo mistico per una preghiera, per un ringraziamento o solo perché attirati da quel dolce sguardo della statua Madonna, ora posta nella nicchia in fondo all’antro. Basta osservare le centinaia forse migliaia di foto appese, le preghiere scritte, i doni per grazia ricevuta presenti sulle pareti e ovunque, per rendersi conto della devozione. Zì Mario, ultracentenario se ne è andato il 1 novembre dello scorso anno è stato il testimone e spettatore, l’unico in grado di testimoniare cosa è avvenuto all’interno di quella grotta tanti tanti anni fa.La Grotta si trova tra via Verentana e via Capodimonte sotto alla Torre dell’Orologio.E’aperta tutti i giorni e ne è custode il sig.Michele Sassara.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI