Cesare Pinzi: conferenza alla biblioteca Ardenti fa il tutto esaurito

Ha fatto il pieno di pubblico giovedì 9 febbraio la commemorazione di Cesare Pinzi (1842- 1917).ai cento anni della sua morte, organizzata dal centro studi Santa Rosa da Viterbo onlus, in collaborazione con il consorzio delle biblioteche e il comune di Viterbo, svoltasi alla biblioteca degli Ardenti.Un pomeriggio impregnato di storia, presenti tra le autorità cittadine il sindaco Michelini e l’assessore Delli Iaconi in cui lo storico Antonio Quattranni ha tracciato dell’esimio bibliotecario viterbese una storiografia che partita dalla adesione alle vicende del risorgimento ne ha scandito il profilo del poeta del politico del cittadino irreprensibile.Un personaggio poliedrico Cesare Pinzi che aspetta di essere riscoperto dagli studiosi attraverso la pubblicazione del materiale documentale d’archivio , notevole ed indispensabile per la comprensione dell’uomo che si è impegnato nella vita politica viterbese fin da le sue origini, curandone la promozione sociale e culturale.Sono stati mostrati al pubblico attento dell’Ardenti documenti medioevali facenti parte dell’archivio del comune di Viterbo su cui lo storico viterbese si confrontò.Oggi più che mai necessita custodire il ricordo di una figura di un personaggio poliedrico a cui è stata dedicata a Viterbo una via, una scuola, di cui forse gli stessi studenti o nuove generazioni sanno molto poco ma che è rappresentativa della storia della città capoluogo della Tuscia.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI