Jubilate: Giancarlo Caselli e la sua vita per la giustizia

Proseguono gli appuntamenti di “Jubilate”, l’edizione speciale di Caffeina con letture e dialoghi con prestigiosi autori.

Giovedì 17 Marzo ORE 16:00 ALLA Sala Alessandro IV
Stella Fanelli in Nell’inquieto cuore del Titano
Michelangelo e la sua ricerca di Dio nelle rime e nell’amicizia “metafisica” con Vittoria Colonna. Il racconto dell’inquieta religiosità del Buonarroti attraverso la lettura delle sue Rime e del “dialogo”lirico e teologico con la Marchesa di Pescara.

18:00 Sala Alessandro IV
Gian Carlo Caselli in Misericordia e/è legalità
Intervista il giornalista di Avvenire Vincenzo Rosano Spagnolo
Incontro con l’ex procuratore della Repubblica a margine del suo libro Nient’altro che laverità. «È la storia vera di un “uomo di legge” che ha dedicato la propria vita alla giustizia, pur consapevole dei limiti delle norme. Una storia raccontata per la prima volta senza reticenze, senza tralasciare i dettagli più inquietanti: misteri, calunnie, colpi bassi, depistaggi», è scritto nelle note che accompagnano il libro. Gian Carlo Caselli ne rievoca le tappe fondamentali, i valori, gli amici e i nemici che hanno segnato la sua avventura umana e professionale. Il viaggio nei ricordi
diventa occasione per una riflessione sferzante sull’attualità del nostro Paese, sugli intreccifra mafia, economia e politica, con particolari inediti sulle recenti scottanti inchieste svolte sulla‘ndrangheta nel Nord d’Italia. Un viaggio che non dimentica le radici familiari e culturali, la fede religiosa e la laicità sempre coltivate, insieme a quella passione per il senso ultimo della legge:
la difesa del debole, affinché chi è diseguale possa sempre crescere in eguaglianza rispetto agli altri

Jubilate è stato realizzato grazie alla collaborazione con la Regione Lazio di Comune e Caffeina Cultura, Fondazione Carivit, Diocesi di Viterboed è patrocinato dal Sodalizio dei facchini di Santa Rosa e dall’Azione Cattolica italiana di Viterbo con il sostegno delle Terme dei Papi, Banca di Viterbo e BBC Roma

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI