Il Mercato dei Saperi anche a Viterbo, iscrizioni aperte

Mercato dei Saperi

“Colleghi ve lo diciamo noi come si risolve la crisi!” Così si apre lo spot del Mercato dei Saperi, in onda sulla Rai da metà novembre, in cui si racconta come una risposta a questa crisi possa arrivare da un buon progetto di scambio. Si tratta del Mercato dei Saperi, promosso dall’Associazione Italiana Persone Down e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (L.383/2000).

Questo Mercato fa incontrare anziani e persone con la sindrome di Down per scambiarsi quello che sanno fare, ossia i propri saperi. Tutti possono avere bisogno di qualcosa e tutti possono offrire qualcosa di utile agli altri, proprio come ci insegna la statua molto antica di Tiwanaku in Bolivia, dove una mano è rivolta verso di sé e una verso l’altro, proprio per significare che una è per dare e l’altra per ricevere. Questa idea di relazioni tra gli uomini dell’antichissima cultura sudamericana Tiwanaku ha ispirato l’idea di questo nuovo mercato, dove non contano i soldi, ma il tempo, il sapere e il saper fare; mette a confronto anziani e persone con sindrome di Down per dimostrare come possono contribuire attivamente alla società offrendo servizi e conoscenza e non essere solo considerate categorie bisognose di assistenza.

I Saperi offerti dalle persone anziane permetteranno alle persone con sindrome di Down di mantenere o acquisire abilità utili per la loro autonomia personale e sociale. Allo stesso tempo la partecipazione delle persone anziane alle attività permetterà loro di ricoprire un ruolo sociale attivo, prevenendo i rischi di isolamento sociale.
I Saperi offerti invece dalle persone con sindrome di Down permetteranno alle persone anziane di avere un sostegno per lo svolgimento di attività quotidiane come pagamenti di bollette, accompagnamento nella spesa e così via, ma anche di imparare cose nuove, come cucinare una marmellata, aggiustare le cose rotte, etc…

In questo mercato è tutto gratis e…”Questa è l’unica strada per crescere,  semplice no?”, proprio come ci dice il ragazzo alla fine dello spot.

Chiunque è interessato a partecipare può iscriversi all’AIPD, sez di Viterbo, in via Carlo Cattaneo 54/C; gli orari sono: mercoledi e venerdi  15,00-18,00;

oppure  contattare i seguenti numeri: 0761-345030- 3296642527-3281388190.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI