Ictus allarme nel Lazio. Aperti solo 5 centri salva vita

Dovrebbero essere 28 nella regione in realtà sono soltanto 5. Per l’ictus, gli ospedali hub (riferimenti regionali di livello più alto) sono i policlinici Tor Vergata, Umberto I, Gemelli e San Camillo. Per i centri di primo livello, tutto è a posto solo sulla carta. Mancano al San Giovanni e al Sant’Eugenio. Non ce n’è uno da Frosinone a Viterbo, passando per Latina e Rieti: lo sa bene lo scrittore Erri De Luca che, cinque settimane fa, in un’arrampicata sulle rocce di Gaeta ha avuto un malore ed è stato trasportato d’urgenza al Santa Maria Goretti di Latina. Per fortuna a colpirlo era stata un’ischemia transitoria, facilmente contrastabile. “Appena 38 letti per 10mila casi all’anno

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI