I Poeti dell’Osteria: un confronto a suon di rime

Il circolo polivalente per il turismo rurale Fattoria delle Due rose, apre le porte del saloon alla magica atmosfera di un tempo, quando ci si riuniva dopo una lunga giornata di lavoro sui campi e ci si confrontava a suon di rime.
Sabato 19 settembre, durante la cena, i commensali saranno allietati da “I poeti all’osteria”, appuntamento curato da Pietro Benedetti, che si snoderà sull’improvvisazione poetica nell’antica tradizione delle campagne laziali, dai monti del Reatino, fino a quelli della Laga e alla Maremma.
A tavola gustando i prodotti tipici del territorio, perfettamente preparati dallo staff delle Fattoria delle Due Rose, ascoltando il ritmo, a tratti dolce a tratti irrefrenabile, delle ottave, quartine e terzine che saranno declamate dai poeti Pietro Benedetti ed Ennio De Santis, accompagnate all’organetto da Alessandro Calabrese, direttamente da Bacugno, che porterà le sonorità reatine, che si fonderanno con le storie viterbesi, diventando un unicum poetico tradizionale a tinte laziali.
Come sempre cena (antipasto, primo, secondo, acqua, vino e caffè) e spettacolo in rima sciolta.
Per prenotare è possibile contattare:
Mario al 348.0510850.
La tessera è gratuita e basterà richiederla in Fattoria, usufruendo anche successivamente delle serate e delle giornate organizzate.
La Fattoria delle Due rose si trova in strada dogane a Vetralla (a poche centinaia di metri dell’uscita Cinelli della E45).

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI