I giovani incontrano la Shoah: premiazione con Alberto Sed

Si terrà mercoledì 27 gennaio alle 10.45 presso la Sala Conferenze della Curia Vescovile a Civita Castellana la premiazione del concorso I giovani incontrano la Shoah.

Il concorso è stato creato durante la prima amministrazione Angelelli e giunge quest’anno alla sesta edizione. E’ rivolto agli studenti degli ultimi anni delle scuole superiori che possono scegliere di lavorare sul tema proposto singolarmente o in gruppo. I trenta vincitori del concorso vengono poi premiati con un viaggio nei campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau in Polonia.

Ospite d’onore di quest’anno è Alberto Sed, tra gli ultimi sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti di Auschwitz – Birkenau. Nel 1943 Sed, insieme alla madre Enrica e alle sorelle Angelica, Fatina ed Emma, venne preso a Roma e portato nel campo della morte di Birkenau, nel comprensorio di Auschwitz.
La madre Enrica e la piccola Emma, di nove anni, furono uccise nelle camere a gas il giorno stesso dell’arrivo perché la prima selezione le giudicò inabili al lavoro. La sorella Angelica fu sbranata dai cani, aizzati contro di lei dalle SS per un sadico divertimento. L’altra sorella Fatina, sottoposta nel lager ai crudeli esperimenti del dottor Mengele, tornò a casa segnata da cicatrici profonde prima di morire senza essersi mai ripresa da quell’orrore. Alberto è sopravvissuto e ora a distanza di tantissimi anni da quegli orribili eventi ha deciso di raccontare come è riuscito a resistere al lager e a ricostruirsi una vita. In seguito, infatti, si è sposato e ora ha tre figlie, sette nipoti e tre pronipoti.

Intervengono il sindaco Gianluca Angelelli e il vicesindaco Giancarlo Contessa, e i membri del comitato di valutazione Luigi Cimarra, Vanessa Losurdo, Laura Primanni, Emanuele Rossini e Emiliano Terenzi.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI