Guido Rossi: fondare una nuova web Radio è la grande Svolta

Guido Rossi è il fondatore e ideatore di Radio Svolta, la nuova web radio del nostro territorio che da circa un mese ha iniziato a trasmettere e ad attirare l’attenzione di molti appassionati di musica e non solo. La base è la Tuscia, l’anima un team di giovani che credono fermamente che il loro progetto possa dare una “svolta” alla musica e alla cultura Viterbese. Lo abbiamo incontrato e ci ha spiegato le motivazioni di una scelta orientata verso la radio su internet e la sua passione per l’arte.

Come è nata l’idea della Web Radio?
Radio Svolta nasce dal mio background professionale, ma anche e soprattutto dalla passione per la musica e per l’arte in generale. Mi trovavo a sfogliare alcuni annunci di lavoro, quando ho notato un corso per speaker radiofonici. In molti mi hanno sempre detto di avere una voce portata per la radio, così ho deciso di mettermi in gioco e provare a studiare per lavorare in radio. Dopo il corso, ho preso parte ad alcune trasmissioni dell’ente che ospitava la formazione per speaker, per poi decidere di fondare una radio fatta da appassionati e che volevano muoversi verso un obiettivo comune.

Da dove nasce la necessità di fondare Radio Svolta?
Viene tutto dalla passione e dal voler creare qualcosa per la musica e l’arte. Ognuno di noi è protagonista di programmi che nascono dalle proprie passioni musicali e non solo, infatti, parliamo anche di sport, libri e cultura, ma ciò che ci accomuna e ci muove è la passione per la musica. La web radio è frutto del mio background e dell’impegno di tutta la squadra che ogni giorno manda in onda la radio con costanza e professionalità. La vita della radio è un continuo fermento di idee.

Dall’idea alla realizzazione. Come?
Aiutato da vecchi amici, e in particolar modo da Giuseppe Mancini, abbiamo dato il via a Radio Svolta con un obiettivo ben definito, quello di far crescere un progetto e farlo crescere insieme al territorio e anche alla musica locale. Abbiamo iniziato da appena un mese, traendo molte soddisfazioni dai risultati sempre in crescita e, inoltre, in questo periodo si è andata raffigurando anche la squadra (10 uomini e 4 donne) e tutto il palinsesto che va in onda dal lunedì al sabato dalle 9 alle 18. Insomma, il team di lavoro ha creato una specie di famiglia, c’è una grande sinergia.

A un mese dall’inizio cosa vi distingue?
Sicuramente un piano organizzato consistente nel lavorare in team e per obiettivi. Sta nascendo una complicità tra noi e le riunioni frequenti si uniscono a momenti conviviali che ci aiutano a stare insieme e a conoscerci meglio. Inoltre, credo fermamente che se vogliamo crescere dobbiamo farlo passo dopo passo. La vita della radio è un continuo fermento di idee, proposte e partecipazione. Abbiamo obiettivi ambiziosi, che ci portano a sognare fino all’FM e con nuove tecnologie, risorse e idee. Lo riteniamo un progetto possibile.

Viterbo e la Tuscia presentano un ricco vivaio di artisti e band. Il vostro palinsesto dà voce agli artisti emergenti?
Amo la mia città e spero che Radio Svolta rappresenti un arricchimento per il territorio e un cambio di rotta per la scena musicale viterbese. Sono anche stupito dall’interesse che stiamo riscuotendo, stiamo conoscendo moltissime persone, non solo chi ascolta le trasmissioni, ma soprattutto i vari gruppi con cui stiamo entrando in contatto. Abbiamo già intervistato delle band del territorio e abbiamo intenzione di dare sempre più spazio e voce a chi ama la musica e produce contenuti che nascono dalla Tuscia. C’è uno scambio di aiuto tra noi e i gruppi e ci farebbe piacere essere il volano per promuovere le band locali. Abbiamo già avuto come ospiti musicisti e artisti viterbesi nel salotto del venerdì, che ci hanno raccontato la loro storia e il loro modo di concepire l’arte. Infine, mi piacerebbe creare delle sinergie con tutto il territorio, sia con i gruppi, sia con chi organizza eventi culturali. Se si collaborasse, potremmo davvero arrivare a una “svolta” per la musica nella Tuscia.

Sicuramente nel suo inizio Guido Rossi dimostra di avere idee chiare e un grande entusiasmo, capace non solo di creare ascolti, ma anche di fare in modo che gli ascoltatori possano esprimere la propria creatività e il proprio legame con la Tuscia, attraverso una partecipazione sempre più numerosa e connotabile. Dopo oltre un secolo di vita, la radio sta dimostrando ancora una volta di sapersi adattare perfettamente alla stessa rivoluzione digitale.

Contatti: www.radiosvolta.it – Facebook: Web Radio Svolta
[pp_gallery gallery_id=”77843″ width=”300″ height=”224″]

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI