“Ma voi ‘grandi’ la fate la raccolta indifferenziata?”. La nuova campagna informativa di Viterbo Ambiente

Donatella Agostini

“Ho un dubbio… ma voi “grandi” la fate la raccolta indifferenziata?”.Il visetto simpatico e imbronciato di una bambina campeggia sulla copertina del nuovo depliant distribuito da Viterbo Ambiente, in collaborazione con il comune di Viterbo. Utilizzando il linguaggio accattivante e semplice dei più piccoli, l’ente preposto al servizio di igiene urbana ritorna con una campagna informativa a rammentarci quali siano le modalità da seguire per effettuare una corretta raccolta differenziata, obbligo di legge prima ancora che buona regola ambientale e civica. Si ricorda innanzitutto alla cittadinanza che i secchielli colorati della differenziata si ritirano presso la sede di Viterbo Ambiente, che si trova in strada Poggino 63. Per smaltire i nostri rifiuti non è più possibile infatti utilizzare i sacchi, a parte quello della plastica. I rifiuti vanno conferiti entro i contenitori giusti, contrassegnati da colori diversi, secondo gli orari e le date previste dal calendario di raccolta. “Mi fate impazzire… mischiate tutto!”: è il rimprovero di un altro bambino dal depliant, a proposito del fatto che nel rifiuto secco residuo va a finire frettolosamente tutto ciò che non è altrimenti etichettabile, ma non per questo smaltibile come indifferenziato. O peggio, tutto ciò che per pigrizia non vogliamo separare. Vi sono infatti tipologie di rifiuti, come piccoli elettrodomestici, componenti elettronici, batterie esauste, ma anche oggetti di grandi dimensioni, sfalci e potature di giardino, che non possono essere considerati rifiuto indifferenziato. Questi rifiuti possono essere portati personalmente e gratuitamente presso il Punto di Raccolta straordinario presso il terminal Cotral in zona Riello, aperto tutte le domeniche del mese dalle ore 7.00 alle ore 11.00. Qualora non si disponga di un mezzo adatto a trasportare l’oggetto ingombrante da smaltire, è attivo un apposito servizio di ritiro a domicilio, da concordare telefonicamente con Viterbo Ambiente. Gli abitanti delle zone che non usufruiscono del servizio di raccolta porta a porta possono conferire i loro rifiuti nelle cosiddette “isole di prossimità”, dividendoli sempre per tipologia. Oltre al depliant, Viterbo Ambiente include una pratica guida che può essere appesa in cucina, con una serie di consigli e di chiarimenti circa lo smaltimento corretto. Sapevate infatti che le posate usa e getta, pennarelli ed evidenziatori esauriti vanno gettati nel rifiuto secco, e non nella plastica come si potrebbe pensare? E che i bicchieri di cristallo rotti, gli specchi, le lampadine non vanno gettati nel vetro? La carta conferita non dev’essere sporca, altrimenti non può essere riciclata. Altro tema molto importante è lo smaltimento dell’olio da cucina usato. Molti ancora lo gettano con noncuranza nello scarico del lavandino, non sapendo che è una pratica deleteria per l’ambiente: basta un litro d’olio per contaminare un milione di litri d’acqua! Per questo esistono i contenitori disseminati in molti quartieri cittadini che ne permettono il conferimento sicuro. E di fuori alle farmacie esistono appositi contenitori per i medicinali scaduti, sostanze da smaltire correttamente e non nel rifiuto secco indifferenziato. Sicuramente è un campo in cui non si finisce mai di imparare, e le cose da ricordare sono molte. Per questo Viterbo Ambiente mette a disposizione un numero verde, 800.814.848, per ogni tipo di informazione e suggerimento. Esiste inoltre una app per smartphone chiamata “Differenzia Facile” che può essere un valido supporto, semplice ed intuitivo. Infine, sul sito www.viterboambiente.net è presente una guida interattiva alla raccolta differenziata, video che illustrano le modalità di recupero ed altre utili informazioni circa i calendari di raccolta e le isole ecologiche di prossimità. Una città più pulita e vivibile dipende anche da noi: basta un pizzico di buona volontà. Inoltre, una raccolta differenziata consapevole e corretta è soprattutto un modo per lasciare ai nostri figli un mondo più pulito e migliore.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI