Gramigna: Michele Cucuzza e Luigi Di Cicco a Civitonica

Dalla penna di un noto giornalista, una testimonianza toccante, la storia
coinvolgente di un ragazzo che ha scelto la legalità. Sabato 4 novembre alle ore 18.00 presso il centro commerciale Piazza Marcantoni a Civita Castellana,
Michele Cucuzza e Luigi Di Cicco presentano Gramigna, all’interno degli
eventi in programma per Civitonica.
Luigi Di Cicco è figlio d’arte. Suo padre è un boss della camorra, un pezzo
grosso, uno di quelli che contano nell’Aversano. Troppo vivo e amaro il ricordo
dell’infanzia, con il padre sempre in galera e la geografia imparata andando in
visita nelle carceri di massima sicurezza in tutta Italia, con i Natali tristi in
compagnia di sole donne perché tutti gli uomini di famiglia erano latitanti o in
prigione. Quando le irruzioni della polizia o i parenti morti in agguati non li
vedi sullo schermo ma li hai in casa, puoi crescere senza poterne fare a meno,
o cercare di starne lontano il più possibile. Luigi ha scelto la seconda strada.
Questo vuole dire ai figli di Scampia: una vita diversa è possibile, ed è molto
più bella.

Michele Cucuzza, nato a Catania, è giornalista in radio e tv. Ha lavorato al Tg2
ed è stato conduttore di La vita in diretta , Uno mattina e Radio2 days. Ha
pubblicato vari saggi, tra cui Ma il cielo è sempre più blu (Editori Riuniti,
2006), sui ragazzi calabresi impegnati contro la ‘ndrangheta, e Il male
curabile (Rizzoli, 2012). Nel 2012 ha ottenuto il Premio Falcone e Borsellino
per la cultura della legalità.

Luigi Di Cicco è figlio di un boss di uno dei clan camorristici più potenti
dell’aversano. Non ha mai seguito le orme paterne e oggi vive con moglie e
figli a Civitavecchia, dove gestisce un ristorante e si impegna attivamente per
sensibilizzare i giovani a non cedere al richiamo della criminalità. Questo è il
suo primo libro.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI