A Gradoli il Pranzo del Purgatorio e la festa degli incappucciati

Il pranzo del purgatorio di Gradoli è un antico rituale che si svolge ormai da 500 anni.
Secondo la tradizione ogni anno, nei locali della cantina sociale della cittadina dell’Aleatico circa 2.000 commensali, si riuniscono insieme il mercoledì delle Ceneri per consumare un pasto che comprende, da sempre, lo stesso menu. I 90 fratelli della fratellanza lo servono in meno di 5 ore. Pare che la tradizione di questa sentitissima manifestazione abbia avuto origine alla fine del XVI secolo, quando la Fratellanza del purgatorio per venire incontro alle esigenze delle famiglie meno agiate iniziò a racimolare generi di prima necessità per le persone in difficoltà e ristretezze, facendole culminare in un grande evento dal forte simbolismo religioso. La Fratellanza del Purgatorio fu istituita nel XVI sec. e ancora oggi organizza l’evento per raccogliere i fondi ed altre attività di soccorso alle famiglie bisognose.
Per i buongustai ogni anno è un’occasione imperdibile per assaporare antichissime ricette che vengono custodite e cucinate segretamente solo dagli adepti della confraternita della Fratellanza, che si occupano dell’organizzazione di questo particolarissimo e sentitissimo evento.
Il menù è molto vario, ma è sempre uguale ogni anno, e nonostante la sua semplicità soddisfa anche i palati più esigenti. Per iniziare: fagioli in bianco conditi con olio extra vergine d’oliva dei colli gradolesi e un pizzico di pepe, minestra di riso con sugo di tinca, la cui ricetta è conosciuta solo dai cuochi addetti, luccio in umido, nasello fritto, baccalà lesso insaporito con olio extra vergine d’oliva ed un trito di aglio e prezzemolo. E per concludere una mela.C’è una richiesta altissima di partecipazione che è solo su prenotazione:. Pro-loco Gradoli 0761-456810 Comune di Gradoli 0761-456082
[pp_gallery gallery_id=”70882″ width=”450″ height=”632″]

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI