Quelli erano giorni: Romeo Vernazza presenta il suo ultimo libro a Vignanello

Il saluto di un figlio a suo padre, di un padre ai suoi figli. Il saluto a un secolo di guerre insensate, ai morti e ai sopravvissuti, ai sommersi e ai salvati, a una storia che viene in continuazione manipolata, falsificata e corrotta, in spregio a tutti coloro che vennero mandati a morire per niente. È l’ultimo libro di Romeo Vernazza Quelli erano giorni, che sarà presentato venerdì 16 giugno dalle 18 alle 21 presso la terrazza del bar moderno in piazza della Repubblica a Vignanello.

In questo volume, uscito a febbraio scorso per Tempesta Editore, Vernazza riscrive le memorie del padre Salvatore deportato e imprigionato in Germania dopo l’armistizio dell’8 settembre ’43. Un libro che racconta la vita di un padre, di un uomo, che ha affrontato la seconda guerra mondiale e, voltando pagina, ha cercato di ricostruirsi una vita. Una storia narrata da un figlio in cerca di risposte e in cui molti si possono immedesimarsi, ripensando gli aneddoti del proprio nonno o di un familiare. Pagine che parlano di combattimenti, di sofferenze e del ritorno a casa, sofferto, agognato e difficile allo stesso tempo, perché niente era o sarà più lo stesso. Un percorso a ritroso, attraverso gli occhi e i ricordi del padre che non c’è più. Un paziente studio tra lettere, documenti e archivi militari. Il risultato è un saluto affettuoso e la riscoperta, da un punto di vista completamente diverso, del carattere paterno, del suo modo di essere e di rapportarsi con gli altri.

Romeo Vernazza, ligure, architetto e scrittore, è stato uno degli autori storici del settimanale satirico Cuore. Il suo romanzo, Cenerentola ascolta i Joy Division, pubblicato da Tempesta Editore, ha ricevuto il premio Microeditoria di qualità 2015 per la sezione narrativa. Per lo stesso editore ha pubblicato il romanzo Vite a buon mercato, scritto a sei mani insieme a Silvia Mobili e Paolo Vanacore.

L’evento organizzato dai Volontari della Biblioteca comunale di Vignanello in collaborazione con l’Amministrazione Comunale.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI