Giornata nazionale degli Alberi: iniziative nella Tuscia

Il 20 e il 21 novembre promossa dal Ministero dell’Ambiente si celebra , come ogni anno, la Festa dell’Albero con tante iniziative nei territori, dove grazie alla piantumazione di giovani alberi in zone degradate, parchi cittadini e i cortili delle scuole guadagneranno vivibilità e nuova bellezza. il Comune di Viterbo in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato, l’Università degli Studi della Tuscia, l’Ufficio Scolastico Provinciale e l’Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali aderisce all’importante appuntamento nazionale. Protagonisti saranno gli studenti, che verranno coinvolti attraverso un concorso dedicato a tematiche ambientali. Come ogni anno, il Comune di Viterbo provvederà alla messa a dimora di alcune piante all’interno di alcune scuole del territorio.
Gli alberi, ogni giorno, ci stringono in un abbraccio ideale che vogliamo ricambiare tutelandoli dalla pericolosa e incessante avanzata del cemento. In particolare dedichiamo l’edizione 2016 della Festa dell’Albero al fenomeno preoccupante del consumo di suolo. www.salvailsuolo.it
Ad Acquapendente, la cooperativa “L’Ape Regina” aderisce, proponendo per domenica 20 novembre una passeggiata alla scoperta de “La magia e il fascino degli alberi monumentali del Sasseto”, luogo ideale ma anche reale per “sperimentare l’invidiabile capacità degli alberi di specie diverse e difficilmente rinvenibili in associazione, di convivere non solo in pace, ma in assoluta armonia o meglio sinergia”.
Il ritrovo è alle 10, in Piazzale Sant’Angelo, ai piedi del Castello di Torre Alfina. Da qui, partiranno gli aspiranti ricercatori forestali per individuazione gli alberi secolari e di pregio che dominano il Sasseto, segnalati anche nel volume “Il Bosco Animato” di Stefano Simoni, con l’intento di monitorare il loro accrescimento – altezza, circonferenza ed età di alberi eventualmente abbattuti per cause naturali – a distanza di anni dal primo censimento, e lo stato di salute e evoluzione dell’intero bosco..
A partire dalle 13 l’appuntamento è al Museo del Fiore, di fronte a un simbolo come il “Grande Albero”, la centenaria roverella che da sempre, presenzia il passaggio di visitatori, turisti, camminatori a due e a quattro zampe e vecchi abitanti dei poderi della Riserva Naturale di Monte Rufeno. “Un albero – sottolineano gli organizzatori – cui si deve un saluto, prima di entrare nelle sale del museo a pochissimi passi di distanza, e farsi guidare alla scoperta dell’affascinante mondo degli alberi vetusti”. Per chi partecipa alla passeggiata al Bosco del Sasseto, è disponibile il biglietto ridotto di 2 euro per adulti e bambini al Museo del Fiore.

A Valentano, invece, all’interno delle attività promosse dal Museo della Preistoria della Tuscia e della Rocca Farnese, lunedì 21 novembre alle 9.30 sarà inaugurato il Giardino Preistorico, con la messa a dimora nel giardino della Rocca Farnese di specie arboree utilizzate nell’antichità territorio della Caldera di Latera e nella Valle del Fiume Fiora. Il progetto è stato ideato e realizzato in stretta collaborazione con il Museo del Fiore di Acquapendente e la Cooperativa “L’Ape Regina”, all’interno di un percorso didattico esterno che va ad arricchire di un nuovo elemento l’offerta culturale del museo. L’evento è inserito anche nella Settimana UNESCO di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2016.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI